Un anello anzi mille: perché amo tanto gli anelli / seconda parte

Era il 22 dicembre 2016, quasi un anno fa, quando ho pubblicato un post dedicato a una parte della mia enorme collezione di anelli.

L’anello è un monile che mi affascina a tal punto che, per esempio, ho scritto un articolo per SoMagazine raccontando alcune delle tante declinazioni possibili perché, tra tutti gli oggetti che hanno funzione ornamentale, gli anelli sono forse i più ricchi di significati, sia quelli che scegliamo per noi sia quelli che regaliamo.

Ma né un anno fa nel mio primo post fa né tanto meno oggi ho alcuna intenzione di fare un trattato serio attorno agli anelli (non che quel mio articolo per SoMagazine avesse la pretesa di essere ciò, era solo un piccolo excursus tra storia e curiosità che, tra l’altro, un giorno mi piacerebbe riprendere, approfondire e sviluppare).
Comunque, oggi desidero piuttosto parlarvi del mio rapporto emozionale con gli anelli e ancor di più condividere semplicemente ulteriori foto.

I gioielli in generale e gli anelli in particolare sono pezzi di noi, della nostra vita, del nostro cuore, di momenti speciali e significativi, di chi ce li ha donati e, in alcuni casi, di chi li ha fatti per noi, così come mi capita con alcuni dei designer dei quali ho avuto la fortuna e l’onore di scrivere.

Un anello, per esempio, è spesso veicolo di ricordi e di legami.

E gli anelli mi accompagnano quotidianamente proprio perché li considero una parte integrante del mio modo di presentarmi.

Sono importanti anche perché faccio un ampio uso del linguaggio del corpo: adopero la mimica facciale (anche troppo) e gesticolo (parecchio).
Le mie mani sono sempre in vista, dunque, in quanto sono uno dei mezzi attraversi i quali comunico: occhi, viso e mani competono con le parole che pronuncio e che scrivo.

Considerata la mia passione, negli anni ho collezionato anelli di tutti i tipi e alcuni pezzi, i primi, risalgono all’adolescenza.
Ho infatti iniziato attorno ai 15 anni e oggi possiedo una collezione piuttosto ricca, non tanto per valore economico quanto piuttosto per varietà di forme, materiali, provenienze e – appunto – significati.

Ho raccontato più volte che, per riuscire a catturare la mia attenzione, un gioiello – qualunque esso sia, più o meno prezioso – deve possedere carattere: deve essere in grado di trasmettermi una sensazione, un’emozione, deve affascinarmi, stupirmi, incuriosirmi, sorprendermi, divertirmi.
Deve coinvolgermi, insomma: non apprezzo i gioielli anonimi, scontati, banali, noiosi e guai a una mia reazione neutra o indifferente davanti a un anello.

Tra gli anelli che amo indossare figurano quelli divertenti e giocosi, quelli che in genere fanno sorridere chi mi incontra: ne ho di buffissimi, come potrete vedere anche qui sotto.
Indossare creazioni spiritose e accattivanti, piccoli divertissement, spesso fornisce lo spunto per conversazioni anche con persone appena conosciute, incuriosite da oggetti tanto particolari.

Amo molto anche gli anelli seri, diciamo così, con simboli, monete, piccoli ricordi, iniziali: tra questi ci sono quelli che considero pezzi di cuore e ai quali sono affezionata in modo viscerale.

E poi ho un’enorme passione per gli anelli-scultura, vere e proprie opere d’arte da indossare.

Qualcuno, molto probabilmente, penserà che nella mia collezione c’è qualche anello un po’ kitsch: lo accetto, a patto che non ci si limiti semplicemente a far coincidere il concetto di kitsch con quello di banalità; lo accetto se con kitsch si intende fuori dalle righe e dall’ordinario.

È vero, la definizione universalmente accettata di kitsch identifica oggetti considerati banali, eccessivi, dozzinali, di cattivo gusto e quindi disturbanti: il termine tedesco (che significa «scarto») era già usato in Germania dalla metà del XIX secolo in riferimento a prodotti (soprattutto oggetti e mobili) di bassa qualità ma con pretese estetiche o, peggio ancora, a prodotti di imitazione o falsificazione degli originali antichi.

Ma determinare con assoluta precisione e certezza cosa sia kitsch nella moda è difficile per la natura stessa della materia e per la sua caratteristica principale: la moda è mutevole ed è perennemente in evoluzione. Cambia, di continuo, e di continuo cambiano i suoi parametri: ciò che era kitsch ieri potrebbe non esserlo domani e viceversa.

Per questo, a mio avviso, estrapolare un abito o un ornamento dalla sua epoca è spesso un’operazione pericolosa: decontestualizzare e analizzare senza i necessari riferimenti temporali, geografici e sociali porta spesso a considerare kitsch o di cattivo gusto capi, outfit, gioielli che hanno invece un preciso senso nel proprio contesto o in un determinato momento e ambito.
Per questo, sempre a mio umile avviso, il vintage non è affare per tutti.

Facendo leva proprio sui punti fondamentali di ciò che è kitsch – banalità, imitazione, falsificazione – affermo che il concetto si può oggi spostare e concentrare sull’aspetto personalità, soprattutto nell’ambito moda: ovvero sostengo che avere un gusto kitsch significhi oggi più che altro imitare qualcuno e falsificare il proprio aspetto, non essere sé stessi, assumere atteggiamenti o comportamenti innaturali, non autentici, vestire in modo eccentrico o eccessivo non per spontanea inclinazione bensì solo per seguire un cosiddetto trend (vedere, per esempio, il fenomeno streetstyle esasperato e portato all’estremo).

Essere kitsch – per me – non è indossare un anello strano ma mancare di personalità, magari adottando e scimmiottando uno stile che non ci appartiene.

Non è l’eccesso di per sé stesso o l’essere fuori dalle righe a essere kitsch o di dubbio gusto; lo è il fatto di volerlo essere a tutti i costi senza rielaborazione personale.
Tant’è che, negli oggetti definiti kitsch, si sottolinea spesso la mancanza di creatività e originalità anche secondo quella che è la concezione originaria e più classica del termine.

Tengo sempre presente – a livello personale e nel mio lavoro – ciò che affermava Diana Vreeland, leggendaria giornalista di moda, storica redattrice di moda della rivista Harper’s Bazaar e poi autorevole direttrice di Vogue Usa, decisamente una delle mie icone.

«Un po’ di cattivo gusto è come una bella spruzzata di paprika. Tutti abbiamo bisogno di una spruzzata di cattivo gusto: è salutare e fisica. Dovremmo usarne un po’ di più. Ciò a cui sono contraria è la totale assenza di gusto».

E se lo diceva lei, considerata tra le persone meglio vestite al mondo, possiamo crederci.

Quindi, il kitsch, per me, è gioco, è sfida, è provocazione, è divertimento, è fantasia, è uscire dagli schemi, è infrangerli, è ironia e autoironia, è l’eccesso che diventa arte, è personalità che sfugge alle righe o ai quadretti di un quaderno troppo preciso – quadretti che pericolosamente assomigliano a delle piccole celle… È la capacità di gestire tutto ciò con allegria, sì, è un’allegra consapevolezza.

Ecco, se per kitsch intendiamo tutto ciò… allora sì, i miei anelli talvolta lo sono. E io con loro. Orgogliosamente.

Manu

 

 

Tutte le foto vengono dal mio account Instagram 🙂

Tra i pezzi, troverete anche quelli di alcuni dei designer ai quali ho dedicato dei post qui nel blog, come nel caso di Francesca Paolin, Sophie Cochevelou, Serena Ciliberti, Officine Gualandi, Alysha Laurene, Pamphlet, Keep Out; troverete anche qualche pezzo comprato da Bivio, uno dei miei negozi second hand preferiti (ne ho parlato qui).

E comunque… non finirà qui…

… To be continued! 😉

 

 

Svaghi classici da pomeriggio di Natale in famiglia: si giocaaaa! Noi abbiamo scelto “Cranium” tra mille risate 😀 L’anello con le 100 lire (originali), invece, è la new entry nella mia collezione, montato in argento 925 con finitura rosata, rigorosamente fatto a mano e rigorosamente Made in Italy. L’ho detto, Babbo Natale conosce bene i miei gusti 😉🎅🏼 #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #personalstyle #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #contemporaryjewels #contemporaryjewelry #gioiello #gioielli #unconventional #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #handmadejewelry #madeinitaly

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Fumo poco, anzi, pochissimo. E per quelle rare sigarette, mi sono data delle “regole” che non infrango mai. Fumare solo per sottolineare momenti felici, mai in preda alla tristezza. Assaporare il momento con calma, mai come riempitivo, mai con distrazione, possibilmente seduta e possibilmente seduta davanti a un bel panorama. Milano Marittima, 2 gennaio 2017. #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #personalstyle #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #contemporaryjewels #contemporaryjewelry #gioiello #gioielli #unconventional #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #handmadejewelry #madeinitaly

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Era gennaio 2015, esattamente due anni fa, quando ho conosciuto @francescapaolin e ho ospitato il suo lavoro parlandone in un post per il blog. Visto che amo continuare a seguire il percorso dei designer nei quali credo, oggi indosso e presento un’altra delle sue leggiadre creazioni ottenute con la tecnica della stampa 3D. Scommetto che non è difficile immaginare il nome dell’anello (… Butterfly), direi che la forma è piuttosto suggestiva e intuitiva. Mi fa piacere sottolineare un’altra cosa: la busta con le coloratissime sferette di polistirolo è il packaging dell’anello, a riprova del fatto che alcune persone sprizzano originalità e creatività a 360 gradi, in ogni cosa fatta. #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #contemporaryjewels #contemporaryjewelry #gioiello #gioielli #unconventional #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #madeinitaly #3dprinting #3dprint

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Sarà che sono antica. Facciamo vintage, dai. Sarà che, per me, il fruscio della carta e il suo profumo non verranno MAI sostituiti da nessun mezzo elettronico, per quanto io stessa li usi e li apprezzi. Sarà che trovarsi legati a un progetto di ampio respiro fa sempre tanto bene al cuore. Saranno tutte queste cose a fare sì che vedere il mio piccolo nome stampato nero su bianco in un giornale sia sempre un’emozione unica, una soddisfazione senza eguali: questo è uno dei miei due articoli usciti sull’edizione di gennaio 2017 di White Magazine, il cartaceo del salone della moda contemporanea ❤️ Sono felice, ebbene sì 😊 {I love my job: I’m so proud – and happy! – about my two new articles on White Magazine ❤️} #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #contemporaryjewels #contemporaryjewelry #gioiello #gioielli #unconventional #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #lovemylife #lovemyjob #happymoments

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Ci vuole qualcosa di forte nonché un certo sense of humour per sopravvivere a un lunedì grigio che più grigio non si può ☕️🍾🌫😀 Dunque sì, su quel cioccolatino a forma di bottiglietta c’è scritto proprio Cointreau e sì, contiene l’omonimo liquore 🍾😀 E dunque sì, quello al mio dito è un anello con testa di Barbie opera di @sophiecochevelou (e che fa il paio con la collana e gli orecchini che seguiranno nelle prossime foto) 😀🙎🏼🙆🏼👸🏼 #thisismylife #coffee #coffeetime #coffeelover #coffeelovers #coffeecoffeecoffee #coffeebreak #coffeegram #coffeeoftheday #coffeeporn #coffeelove #coffeeplease #instacoffee #caffe #happymoments #happymoment #littlemoments #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #ringsofinstagram #anelli #anello #bijoux #bijou #bijouxlovers #jewellery #jewels #barbie

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Ricordo della splendida mostra “Manolo Blahník, The Art of Shoes” aperta fino al 9 aprile 2017 a Palazzo Morando Museo della Moda. In occasione della conferenza stampa, ho ricevuto questo cofanetto che contiene un set di biglietti, completi di buste, biglietti che ripropongono alcuni dei disegni del grande couturier. Un attento tocco di eleganza, un pensiero delizioso, un regalo graditissimo, uno dei più belli che abbia mai ricevuto in occasione di un evento stampa. La classe si dimostra in tanti modi e questo gesto è estremamente in linea con la signorilità di Monsieur Blahník e del suo staff. Per chi ne avesse voglia, nel mio nel blog c’è un post che racconta attraverso immagini e parole la mostra nel dettaglio – link in bio 👆🏻👠👆🏻👠 #fashionigers #instastyle #instafashion #fashionlover #fashiondesign #ilovemyjob #lovemyjob #fashionpost #fashiongram #fashionoftheday #fashioneditor #womenstyle #womenfashion #milanomoda #manoloblahnik #blahnik #shoe #shoeporn #shoelover #shoelovers #shoelove #shoeaddict #shoesaddict #shoestagram #shoeoftheday #shoegasm #shoesph #shoesaddict #shoesoftheday #shoeslover

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Oggi, dopo il caffè, per propiziare il pomeriggio 😉 mi mangio/bevo, questo cioccolatino Rémy Martin: ma quanto è bello il bicchierino? 😀🍷😀🍷 {Però non è niente male nemmeno il mio anello con perle barocche e peridoto detto anche olivina 😘 Ho mai scritto che amo i gioielli asimmetrici? Trovo che le asimmetrie siano intriganti e affascinanti 😄} #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #contemporaryjewels #contemporaryjewelry #gioiello #gioielli #unconventional #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #bijouxfantaisies #remymartin #pearl

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

I pezzi che più amo nella mia collezione di bijou sono quelli che hanno una storia e un significato che va a soddisfare anche altre passioni. Per esempio, amo il vetro di Murano e amo gli scarabei (ne ho tanti in materiali molto diversi), quindi questo anello di Roberta A.M. Pedrazzani di “Matite colorate” – alias @1oracircadopoiltramonto – mi fa felice due volte 😀😀😀 Il particolarissimo vetro rosato è avvolto da un sottile strato trasparente e così il risultato a fine lavorazione è sempre unico e imprevedibile; e se lo scarabeo è diventato rosa, conserva però un puntino che ricorda l’originario colore verde. Insomma… geniale! Ah, dimenticavo: si porta con la testa rivolta verso chi lo indossa, perché il motto di questi anelli è “occhi negli occhi e culo al mondo”. #jewelry #jewellery #jewels #jewel #fashionjewelry #instajewelry #instajewels #thisismystyle #personalstyle #fashionigers #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #statementring #statementrings #animaljewelry #solocosebelle #scarab #madeinitaly #handmadejewelry #handmadejewellery

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

A farmi compagnia, oggi, è un’altra creatura di Roberta A.M. Pedrazzani di “Matite colorate” – alias @1oracircadopoiltramonto 😊 Il suo fenicottero in vetro di Murano se ne sta quietamente appollaiato sul mio anulare destro da stamattina, regalando grazia, bellezza e gentilezza alla mia giornata. È poetico eppure realistico al tempo stesso, con dettagli che mi fanno impazzire come il becco satinato. Come tutte le creature di Roberta, anche il fenicottero si porta con testa e becco rivolti verso chi lo indossa, perché il motto di questi anelli è “occhi negli occhi e culo al mondo”. Sì, proprio così. #jewelry #jewellery #jewels #jewel #fashionjewelry #instajewelry #instajewels #thisismystyle #personalstyle #fashionigers #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #statementring #statementrings #animaljewelry #solocosebelle #madeinitaly #handmadejewelry #handmadejewellery #flamingo

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Credo di non aver sufficienti parole per descrivere quella frenesia che mi prende in giornate come oggi, quando si solleva un venticello leggero, diverso da quello freddo e invernale, un venticello che sembra preannunciare il risveglio della natura… Credo di non aver sufficienti parole per descrivere l’euforia che ho provato oggi quando ho notato che il prato è già punteggiato dalle prime margheritine… Ho pensato di mostrarvele e il mio anello-ippopotamo in ceramica sembra essere stato felice per l’approccio fuori programma 😀🌼 #jewelry #jewellery #jewels #jewel #fashionjewelry #instajewelry #instajewels #thisismystyle #personalstyle #fashionigers #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #statementring #statementrings #animaljewelry #solocosebelle #madeinitaly #handmadejewelry #handmadejewellery #hyppo

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Dettagli rossi del mio outfit di oggi 🎈🎈🎈 … . {Nell’ottica della mia costante campagna di sostegno al talento e alle piccole produzioni artigianali non in serie, segnalo che il bracciale con tubo da irrigazione e dettagli in acciaio è una creazione di @maragarbinjewels mentre l’anello in vetro di Murano è opera di @opellamilano e la borsa con disco telefonico che gira davvero è di @latilde_official 🎈} . #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #contemporaryjewels #contemporaryjewelry #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #anello #anelli #bijouxfantaisies #solocosebelle #madeinitaly #unconventional

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Dalla Milano Fashion Week: tra le cose più interessanti che ho visto figura senza dubbio la collezione FW 2017-18 di Situationist, brand georgiano selezionato dal salone di ricerca White con il supporto di Camera Nazionale della Moda Italiana. Lo stilista Irakli Rusadze, 25 anni, ha iniziato a imparare lavorando sul campo dall’età di 13. #thisismylife #moda #fashion #styleblogger #instablogger #fashionigers #instastyle #instafashion #fashionlover #fashiondesign #ilovemyjob #lovemyjob #thisismyjob #fashionpost #fashiongram #fashionoftheday #fashioneditor #runway #fashionshow #womenstyle #womenswear #womenfashion #mfw #milanofashionweek #milanfashionweek #fashionweek #milanomoda #milanomodadonna #fw17 #fashionworld

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Un’altra edizione della Milano Fashion Week è finita e io – per esserne sicura – l’ho messo anche per iscritto 😀😀😀 A parte gli scherzi, questo post è un pretesto per ringraziare tutti coloro che hanno seguito le mie foto e che hanno interagito: amo Instagram e amo condividere le foto per questo motivo, perché mi piace creare confronto, e dunque dico grazie a chi ha partecipato con like e commenti e chiedo scusa nel caso in cui, a causa del forte flusso di notifiche, dovessi aver mancato di rispondere a qualcuno. Come dicevo, per me scambio e confronto sono importanti, dunque considero un piacere (e non un semplice dovere) rispondere a chi mi dedica tempo e attenzione scrivendo un commento: tengo molto a rispondere a tutti, uno per uno, con la sola eccezione dei commenti dichiaratamente di genere spam che invece non vengono considerati. Ed è per questo che mi dispiace e mi scuso nel caso in cui dovessi aver perso qualche prezioso commento 💕 #thisismylife #moda #fashion #styleblogger #instablogger #fashionigers #instastyle #instafashion #fashionlover #fashiondesign #ilovemyjob #lovemyjob #thisismyjob #fashionpost #fashiongram #fashionoftheday #fashioneditor #runway #fashionshow #womenstyle #womenswear #womenfashion #mfw #milanofashionweek #milanfashionweek #fashionweek #milanomoda #milanomodadonna #fw17 #fashionworld

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Conoscere e poter frequentare persone che sono autentici luminari nella loro professione e che sono universalmente considerati autorevoli esperti non è solo un onore e un piacere, ma offre anche l’immensa opportunità di imparare, di crescere, di poter godere del loro importante bagaglio fatto di conoscenza ed esperienza. Sono dunque molto felice di conoscere Carlo Zini e Bianca Cappello e serberò il libro che porta le loro dediche con il rispetto e l’amore che meritano. Si tratta del catalogo della mostra dedicata a Carlo Zini e alle sue creazioni da favola: la mostra, stupenda, è curata dalla bravissima Bianca Capello, storica del gioiello e autrice anche del volume. Fino al 4 giugno, il Museo del Bijou di Casalmaggiore ospita quella che è la prima antologica interamente dedicata a uno degli storici bigiottieri italiani: è un incanto, non perdetela! Il catalogo è disponibile presso la mostra oppure online sul sito dell’editore Universitas Studiorum, trovate il link diretto anche nel mio post nel blog.

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Aperitivo decisamente in stile primaverile stasera da @pasticceria_cucchi storico caffè milanese che esiste dal 1936. Buona compagnia, tanti fiori firmati dall’artista @sclavifabrizio e i miei bijou colorati, soprattutto l’anello uovo fritto opera della mia magica Serena Ciliberti alias @sereku 😀🍳 Grazie @manuelacaminada per l’invito 🌹🌷🌼🌺🌸 #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #fashionjewellery #anello #anelli #bijouxfantaisie #personalstyle #bijouxfantaisies #mystyle #ringsofinstagram #unconventional

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Sono in attesa che inizi la conferenza stampa della mostra “Space girls, Space women – Lo Spazio visto dalle donne” aperta da domani, giovedì 20 aprile, al Museo Leonardo da Vinci di Milano. Sono una fan dello Spazio, fin da piccina, e ormai sono un’affezionata ospite delle conferenze dello splendido Museo della Scienza e della Tecnologia, quindi sono curiosissima di scoprire questa mostra fotografica sulle donne che sognano il proprio futuro nello Spazio e su chi tra loro, oggi, contribuisce alla realizzazione dei programmi spaziali 🚀🛰🌕 {L’occasione seria non mi ha comunque impedito di sfoggiare il mio nuovo anello con le mini matite giapponesi opera della mia magica Serena Ciliberti alias @sereku ✏️✏️✏️} #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #fashionjewellery #anello #anelli #bijouxfantaisie #personalstyle #bijouxfantaisies #mystyle #ringsofinstagram #unconventional

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Sono felice, molto felice, quando la simpatia tra “colleghi” (lo metto tra virgolette perché non sono certa di meritare il lusinghiero paragone) sfocia in collaborazioni piene di positività. Sono felice quando la stima si trasforma in sinergie autentiche, ovvero in rapporti in cui le parti operano insieme al conseguimento dello stesso fine. E così, in questo lunedì uggioso, in questo primo giorno di maggio che in realtà assomiglia più a un primo giorno di novembre, sono qui a casa, a lavorare, a studiare e a leggere riviste meravigliose come Hestetika, un trimestrale che parla di arte, design, architettura, moda e hi-tech. Vedere il mio nome su queste splendide pagine patinate è una grande emozione; poter dare la mia opinione è una grande opportunità; essere definita “esperta di moda” da una giornalista brava e competente come Angela Suriano @madamelagruccia è un autentico onore. Mi permetto di consigliare l’acquisto e la lettura di questo magazine veramente ben fatto, non per leggere le mie parole, naturalmente, bensì per godere di una rivista davvero ben fatta e ben confezionata. Tra l’altro, a pagina 134 c’è un altro meraviglioso articolo di Angela a proposito di Manolo Blahník. Grazie, Angela, con tutto il cuore.

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Il fatto che io ami il gioiello (contemporaneo ma anche vintage e possibilmente handmade) non è certo un mistero e sono felice di vedere quanto questo ambito stia (finalmente) ricevendo il giusto riconoscimento anche a livello museale attraverso mostre interessanti, capaci di solleticare l’attenzione e di esplorare le mille declinazioni possibili in tale settore. Stasera sono stata all’inaugurazione e alla conferenza stampa di “Handmade Dreams”: fino al 21 maggio, Palazzo Morando ospita una raccolta di gioielli contemporanei provenienti dalla Repubblica Ceca e fatti in quello che è universalmente conosciuto come vetro di Boemia. L’ingresso è gratuito e la mostra è aperta dal martedì alla domenica dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17:30. Le sale sono quelle di via Bagutta 24. Se siete a Milano o se passate in città fino al 21 maggio, fate un salto alla mostra per conoscere un altro interessante capitolo del pianeta gioiello. Nei prossimi giorni cercherò di preparare un post per il blog e di pubblicare qualche foto qui. Anche perché, dopo Milano, la mostra farà ulteriori tappe, all’estero e anche in Italia.

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Preoccupati / spaventati / imbarazzati / annoiati / ossessionati o perfino allergici davanti ai cosiddetti attacca-bottone che incontrate qua e là? Volete una soluzione pratica e veloce? Ce l’ho io: basta portarsi il bottone già da casa. E metterlo al dito 😀😀😀E muovere poi le mani con (falsa) nonchalance: vedrete, il messaggio arriverà 😀😀😀 {Anello in ceramica @officine.gualandi ❤️} . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewels #jewel #fashionjewelry #instajewelry #instajewels #personalstyle #mystyle #instastyle #instafashion #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #bracelet #bracelets #braceletsoftheday #bangles #bangle #bijoux #bijouxlovers #bijou #bijouxfantaisie #ringsofinstagram

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Per la serie: il mio personale sostegno al talento 😊 Ci sono cose che creano dipendenza, a volte in negativo e altre – per fortuna! – in positivo: Officine Gualandi @officine.gualandi rientra ampiamente nel secondo caso, quello delle dipendenze positive. Ho acquistato da loro un primo anello e sentivo che non sarebbe stato l’ultimo: infatti, quando ho visto questo anello a righe, non ho potuto resistere! Righe, bottoni, ceramica, prodotto ben fatto: troppa positività per potermi opporre. Anche perché ormai so che posso contare sulla loro professionalità, gentilezza e qualità. Insomma, Officine Gualandi è consigliatissimo: se come me credete che la bellezza sia una delle poche dipendenze da coltivare… avete trovato l’azienda e i prodotti giusti per voi! . Renato, Simone e Tania vivono a Roma e insieme hanno creato Officine Gualandi, il progetto che mette insieme le loro passioni, i loro interessi e le loro abilità. Il loro è un laboratorio creativo nato nel 2012 e in cui realizzano complementi di arredo e accessori di design: dedicano una speciale attenzione ad alcune lavorazioni artigianali e ad alcuni materiali. Fra tutti i materiali, privilegiano la ceramica per creazioni 100% frutto del loro ingegno, delle loro scelte e del loro lavoro. “Serialità e unicità del manufatto, per noi, non sono estremi che si escludono, ma strategie produttive che si intersecano, in una continua vocazione alla ricerca e alla sperimentazione”, raccontano: se il risultato è quello che trovo nei loro prodotti, non posso che dare loro ragione!

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Ho sempre pensato che ognuno di noi abbia il diritto di trovare il proprio modo per andare avanti e superare dolore e difficoltà. Oggi lo penso più che mai e vi dico che ho rispetto, grande rispetto, del modo che ognuno trova e delle risposte che ognuno di noi si dà. Quanto a me, non dico di non aver paura, non dico di non avere momenti in cui le mie migliori intenzioni e convinzioni vacillano. Ho momenti di debolezza, come tutti, eppure riesco ancora a pensare che cedere alla paura nonché adeguarsi a vivere nel solco che essa lascia in noi non sia la risposta giusta. Non per me, almeno. Preferisco cercare rifugio nella Bellezza e preferisco pensare che se Natura e Uomo hanno saputo creare cose belle e buone… beh, allora vale e varrà sempre la pena di resistere alla paura e di cercare di godere della Bellezza, il più a lungo possibile. . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewels #jewel #fashionjewelry #instajewelry #instajewels #personalstyle #mystyle #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #bijoux #bijouxlovers #bijou #bijouxfantaisie #bijouterie #bijouxfantaisies #ringsofinstagram #showmeyourrings #jewelrygram #statementjewelry #statementjewellery #statementpiece #statementring #solocosebelle

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

A me basta poco per essere felice… Un momento di pausa in una giornata di lavoro con i miei studenti, uno spuntino all’aria aperta, qualche piccolo pezzo del mio mondo… Mi basta poco… O forse, invece, in realtà è molto? {Visto che do costantemente il mio sostegno al talento in tutte le sue forme ed espressioni, mi fa piacere segnalare un posto degno di nota ovvero @paninitosti ovvero il luogo che vedete nella foto. Perché lo segnalo? Perché lo meritano, i panini sono buoni, gustosi e originali, e loro sono davvero gentilissimi e accoglienti ❤️} . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewels #jewel #fashionjewelry #instajewelry #instajewels #personalstyle #mystyle #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #bijoux #bijouxlovers #bijou #bijouxfantaisie #bijouxfantaisies #ringsofinstagram #showmeyourrings #jewelrygram #statementjewelry #statementjewellery #statementpiece #statementring #contemporaryjewellery #contemporaryjewelry

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Estratto dal mio post nel blog – il secondo di oggi (ebbene sì, oggi mi premeva dire parecchie cose 😀😀) . Desidero condividere alcune riflessioni. In questi giorni, circola la notizia di un’inchiesta fatta da “The Guardian”: secondo l’autorevole quotidiano britannico, le scarpe della maison Louis Vuitton verrebbero fabbricate in Romania, per la precisione in Transilvania. Sempre a quanto risulta secondo l’inchiesta, le scarpe vengono poi spedite da noi, qui in Italia, dove vengono semplicemente incollate le suole. Altro che Made in France o Made in Italy, insomma, come invece viene stampigliato sulle suole. Non voglio scendere nel merito specifico di questo episodio, perché il discorso è lungo e articolato. Prima di tutto, occorrerebbe parlare bene di cosa oggi possa legalmente fregiarsi dell’appellativo Made in Italy (e sto meditando di scrivere un post nel blog). E secondo, se vogliamo parlare di etica e soprattutto di etica del lavoro, bisogna dire che sembrerebbe che quelle fabbriche in Romania siano un ambiente pulito nel quale lo staff lavora da seduto, ha il fine settimana libero, è pagato per gli straordinari e non usa prodotti tossici. L’osservazione che desidero fare è dunque piuttosto un’altra: bisogna tenere gli occhi ben aperti e non dobbiamo fidarci di tutto ciò che ci viene detto. Oggi, il fast fashion viene spesso additato come l’essenza del male in ambito moda o peggio come l’unico male, ma non è così, non del tutto, non al 100%. Così come non è vero che le maison di alto di gamma siano sempre virtuose, non è altrettanto vero che quelle di fast fashion facciano tutto quanto male. Vi faccio un esempio pratico. Recentemente, ho fatto degli acquisti attraverso il sito H&M e questo è il sacchetto che mi è arrivato insieme ai capi. Perché – nonostante le responsabilità che si imputano al fast fashion e che certo non intendo negare – occorre anche dire che H&M, per esempio, è da anni in prima linea nella lotta per la sostenibilità. Ha un sito dedicato nel quale dettaglia tutte le attività che svolge. E, fin dal 2013, ha creato il più grande sistema globale di raccolta di abbigliamento usato del settore retail. . Continua nel blog, link in bio 👆

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Sicuri? Siamo davvero sicuri che questo martedì (lavorativo) debba iniziare a tutti i costi? E allora che sia almeno all’insegna di dolcezza, bontà e bellezza 😀 Non voglio farmi mancare nulla 😀 {Campagna di sostegno al talento: mini bag by @thetrendyvalley e anello Zena in vetro di Murano – in completo con i suoi orecchini abbinati – di @opellamilano ❤️} Ancora buona giornata a tutti ✨🥐☕️🕶👜 . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #fashionjewellery #bijouxfantaisie #personalstyle #bijouxfantaisies #mystyle #ringsofinstagram #bijouterie #showmeyourrings #solocosebelle

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Caffè e coccole: compagnia perfetta (il mio amore ❤️), una miscela buonissima con cucchiaino di cioccolato (… e secondo cioccolatino di rinforzo…), la mia borsa vintage di famiglia (rubata a mamma ❤️) e infine uno dei miei soliti anellini discreti e minimali 🤔🙄😉😀😂🐙 Buon pomeriggio a tutti ✨✨✨ . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #fashionjewellery #bijouxfantaisie #personalstyle #bijouxfantaisies #mystyle #ringsofinstagram #bijouterie #showmeyourrings #solocosebelle

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Ci sono cose che creano dipendenza, a volte in negativo e altre – per fortuna! – in positivo. Officine Gualandi, il marchio 100% Made in Italy del quale parlo oggi nel blog, rientra decisamente e ampiamente nel secondo caso, quello delle dipendenze positive. Renato Di Tommaso (disegnatore, scultore, designer), Simone Vetromile (graphic designer e social media manager) e Tania Vetromile (storica dell’arte con esperienza in comunicazione e organizzazione di eventi) vivono a Roma e insieme hanno creato @officine.gualandi ovvero un progetto che mette insieme le loro passioni, gli interessi, le abilità e le esperienze eterogenee. Nato nel 2012, il loro laboratorio creativo progetta e realizza complementi di arredo e accessori di design che comprendono anche bijou. Il trio dedica una speciale attenzione ad alcune lavorazioni artigianali e ad alcuni materiali: in particolare, la ceramica è protagonista di creazioni non solo 100% Made in Italy, come scrivevo in principio, ma anche 100% frutto dell’ingegno e delle scelte Made in Officine Gualandi. Nuovo post nel blog, link in bio 👆🏻

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Non solo la sottoscritta, ma anche il mio fido anello-fenicottero (opera di quel genio di @1oracircadopoiltramonto ❤️) non ha resistito alla curiosità di analizzare il Vogue della nuova gestione di Emanuele Farneti. Devo essere sincera, il risultato a me è piaciuto, anche se un paio di cosette a Farneti le vorrei dire o chiedere, soprattutto a proposito del suo editoriale. Starò zitta, però, perché in questi giorni ho parlato già abbastanza: al limite, ne discuterò a lezione con le mie prossime studentesse a settembre 😉 Come? Volete sapere cosa ne pensa il fenicottero? Vi dico solo una cosa: di solito il suo motto è “occhi negli occhi e culo al mondo”, ma oggi ha fatto una deroga e mi ha voltato le spalle a favore di Vogue 😀😉😀😉 . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #fashiongram #fashionpost #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #bijouxfantaisie #personalstyle #bijouxfantaisies #mystyle #ringsofinstagram #bijouterie #showmeyourrings #solocosebelle #flamingo #vogueitalia #voguemagazine #vogue

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Cose che amo, in ordine (quasi) sparso. Anello bizzarro 👁; borsa personalizzata con il mio nome e con spillette che sono messaggi; il tattoo che è un simbolo del legame con mia sorella e mia nipote. Le caramelle sono lì (quasi) per caso, però, lo giuro, perché sono golosa ma non troppo 🍬😀 {La mia personale e ininterrotta campagna di sostegno al talento: borsa @bakarabags ❤️} . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #fashionjewellery #bijouxfantaisie #personalstyle #bijouxfantaisies #mystyle #ringsofinstagram #bijouterie #showmeyourrings #baglovers #baglover #bagaddict

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Cose che amo, in ordine (quasi) sparso. Anello con occhietto in vetro di Murano di quei due geni di @opellamilano; zainetto che mi fa sentire una studentessa sulla soglia delle vacanze; bracciale a forma di pesce in resina rossa firmato Marc Jacobs (curiosità: se si fa dondolare sul palmo della mano “prevede” il futuro a seconda di come si ferma); bracciale in alluminio riciclato con iniziale di @vestopazzo ❤️ . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #fashionjewellery #bijouxfantaisie #personalstyle #bijouxfantaisies #mystyle #ringsofinstagram #bijouterie #showmeyourrings #backpack #bangles #bangle #bracelets

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

I creativi, i designer, gli stilisti, gli artisti dei quali mi occupo e dei quali racconto, qui e nel blog, finiscono per diventare membri di una famiglia che ho scelto e alla quale tengo molto. Una famiglia che costruisco giorno dopo giorno, fatta di persone in gamba, volenterose, volitive, talentuose, capaci, coraggiose. Persone che non hanno paura di impegnarsi, di lavorare sodo, di inventare, di sperimentare, di rompere i confini dell’omologazione e della banalità. Possedere i loro pezzi è per me un orgoglio infinito, è una gioia, è un ulteriore modo di diffondere il loro messaggio di qualità. Possedere una borsa di Annalisa Caricato @annalisacaricato_official è per me un sogno che si avvera. Ho amato le sue creazioni nello stesso istante in cui le ho viste per la prima volta, le ho supportate con tutto il cuore e, ogni volta in cui la indosso, non faccio altro che osservare la mia minibag circo scoprendone ogni istante un nuovo dettaglio, con emozione e stupore quasi infantili. Amo la dimensione perfetta, le minuziose applicazioni tutte rigorosamente cucite a mano, la pelle morbida e profumata, la tracolla completamente e ingegnosamente regolabile, il charm che nasconde la chiave della serratura… potrei proseguire all’infinito! Insomma, un ottimo esempio del Made in Italy che amo e delle bellezza che può salvare il mondo… come recita anche il mio anello 😉 ❤️ . . . #thisismystyle #personalstyle #fashionigers #instastyle #instafashion #fashionlover #fashionpost #fashiongram #stylegram #mystyle #styleinspo #whatiwear #whatiweartoday #whatiwore #whatiworetoday #bag #bags #bagsph #styleinspiration #baglover #bagslover #bagoftheday #bagaddict #madeinitaly #handmadebag #ringoftheday #ringsofinstagram #ring #rings #showmeyourrings

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Sono una grande appassionata di second hand e lo sono per molti motivi. Per esempio, perché credo che ciò che non serve più a noi potrebbe servire ad altri mentre ciò che non serve più agli altri potrebbe invece magari servire a noi. Il second hand sembra ricambiare la mia passione e mi fa fare ritrovamenti che adoro: prendete per esempio questo bracciale Dsquared2 in pelle con perle multicolor trovato grazie a @bivio_milano ❤️ Mi piace da impazzire ed è il tipico esempio di qualcosa che non serviva più a qualcuno ma che serviva molto 🙄 a me… (Sono incorreggibile, solo un paio di giorni fa piagnucolavo per i miei armadi straripanti… però questo l’ho comprato prima, giuro 😀) . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewels #jewel #fashionjewelry #instajewelry #instajewels #personalstyle #mystyle #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #bracelet #bracelets #braceletsoftheday #bangles #bangle #bijoux #bijouxlovers #bijou #bijouxfantaisie #bijouterie #bijouxfantaisies #ringsofinstagram #showmeyourrings #jewelrygram

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Così era iniziata la mia vacanza e così finisce, con la medesima foto scattata sull’aereo all’andata e al ritorno, con la stessa rivista aperta alla stessa pagina: la differenza è che nella prima foto c’era tutta la frenesia di tornare in un luogo che amo dopo ben sette anni di lontananza, mentre in questo secondo scatto la nostalgia è già forte… In mezzo, ci sono sedici giorni meravigliosi ❤️🇬🇷 Non voglio più aspettare così tanto per tornare, anche se i viaggi da fare sono sempre tanti… {Nel frattempo, la mia collezione di “evil eyes” è molto cresciuta, sì 😀Nei prossimi mesi sarete perseguitati dai miei nuovi bracciali e anelli con occhi 👁😜} . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewels #jewel #instajewelry #instajewels #personalstyle #mystyle #gioiello #gioielli #bracelet #bracelets #braceletsoftheday #bangles #bangle #bijoux #bijouxlovers #bijou #bijouxfantaisie #bijouxfantaisies #thingsilove #evileye #evileyes #evileyebracelet #evileyejewelry #fatimahand #rings #ringsofinstagram #showmeyourrings

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Inauguro la stagione lavorativa con un bellissimo evento: ospite del Comune di Prato per la conferenza stampa e l’anteprima di una mostra che vi segnalo con grande piacere. . “LEGATI DA UNA CINTOLA. L’ASSUNTA DI BERNARDO DADDI E L’IDENTITÀ DI UNA CITTÀ.” . 7 settembre 2017 – 14 gennaio 2018 Museo di Palazzo Pretorio in Piazza del Comune a Prato . La cintura della Vergine custodita in una Cappella del Duomo di Prato è al centro di una splendida mostra nel Museo di Palazzo Pretorio. La Sacra Cintola, circa 80 centimetri di lana finissima verde e broccata in filo d’oro, rappresenta, fin dal Duecento, il prezioso simbolo del valore identitario cittadino e il motore delle vicende artistiche di Prato. Il suggestivo percorso espositivo, che intreccia i fili di un racconto tra storia e tradizione, mette in luce un ricco patrimonio di cultura e bellezza. Per la prima volta è così possibile ammirare, grazie a prestiti dal Metropolitan Museum di New York e dai Musei Vaticani, la ricostruzione della smembrata Pala di Bernardo Daddi, realizzata per il Duomo di Prato, e di cui il Museo di Palazzo Pretorio conserva una delle due predelle.

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

La Milano Fashion Week incombe e io mi dedico al solito lavoro che la precede: spulcio il calendario ufficiale, lo confronto con gli inviti che ho ricevuto, richiedo gli accrediti mancanti, metto il tutto nel mio calendario per non perdere i pezzi visto che il rimbambimento è dietro l’angolo 🙃🙄 Lavoro noiosetto, ebbene sì. Per questo mi faccio accompagnare da amici colorati, come alcuni dei bracciali che ho preso in Grecia e il mio meraviglioso anello con il fenicottero in vetro di @1oracircadopoiltramonto ❤️ . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewels #jewel #instajewelry #instajewels #personalstyle #mystyle #gioiello #gioielli #bracelet #bracelets #braceletsoftheday #bangles #bangle #bijoux #bijouxlovers #bijou #bijouxfantaisie #bijouxfantaisies #evileye #evileyes #evileyebracelet #evileyejewelry #handmadejewelry #handmadejewellery #showmeyourrings #rings #flamingo

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Un’altra giornata felice 😊 {Questa é una settimana particolarmente ricca e mi dispiace solo che non riuscirò a fare/seguire tutto e che dovrò fare parecchie rinunce… dovrei sdoppiarmi e non ne sono capace, ahimè 🙄😕🙁} La felicità è quella di incontrare lo spirito più autentico di una delle mie icone più grandi: viaggio stampa ospite della Fondazione Gianfranco Ferré per la conferenza di presentazione e l’anteprima di una mostra semplicemente splendida, che mi ha letteralmente tolto la parola, aperta da domani a Palazzo Madama a Torino. Presto tutti i dettagli nel blog (ritroverò la parola, promesso 😉), ma se potete… visitatela di persona e mi direte “avevi ragione, ne valeva la pena” 😊😀 . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewels #jewel #instajewelry #instajewels #personalstyle #mystyle #gioiello #gioielli #bracelet #bracelets #braceletsoftheday #bangles #bangle #bijoux #bijouxlovers #bijou #bijouxfantaisie #bijouxfantaisies #evileye #evileyes #evileyebracelet #evileyejewelry #fatimahand #handmadejewelry #handmadejewellery #rings #showmeyourrings

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Stamattina, cercando delle foto nel mio cellulare, ho ritrovato questa: era il 16 agosto, mi trovavo a Samos, meravigliosa isola greca, precisamente a Kokkari, e stavo vivendo un tranquillo dopo cena con il mio amore e i miei amici Elena e Giorgio nella deliziosa piazzetta principale. L’anello comprato diversi anni fa in Francia incarnava insomma perfettamente il mio stato d’animo: “je suis heureuse”, ovvero “sono felice”. Stamattina lo sono un po’ meno (classica agitazione da lunedì…) e dunque sarebbe più adatto un “j’étais heureuse” ovvero “ero felice”, ma visto che sono un’inguaribile ottimista… spero che l’anello sia propiziatorio di prossimi piacevoli miglioramenti 😊😉😜😀 {Se invece state guardando il bracciale Dsquared2 in pelle con perle multicolor è una chicca scovata grazie a @bivio_milano ❤️} . . . #jewelry #jewellery #jewelery #jewel #jewels #instajewelry #instajewels #fashionjewelry #bijou #bijoux #bijouxlovers #thisismystyle #instastyle #fashiongram #fashionpost #gioiello #gioielli #ring #rings #ringoftheday #ringsoftheday #fashionjewellery #bijouxfantaisie #personalstyle #bijouxfantaisies #mystyle #ringsofinstagram #bijouterie #showmeyourrings #solocosebelle

Un post condiviso da Emanuela Pirré (@aglitteringwoman) in data:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Manu

Mi chiamo Emanuela Pirré, Manu per gli amici di vita quotidiana e di web, e sono nata un tot di anni fa con una malattia: la moda. La moda è come l’aria che respiro: ne ho bisogno perché per me è una forma di cultura, una modalità di espressione e di comunicazione, un linguaggio che amo e rispetto. Il minimalismo non è il mio forte e sono allergica a pregiudizi, cliché, convenzioni, conformismo e omologazione. Vivo sospesa tra passione per il vintage e amore per il futuro e sono orgogliosa della mia nutrita collezione di bijou iniziata quando avevo 15 anni: per fortuna Enrico, la mia metà, sopporta con pazienza entrambe, me e la collezione. Sono curiosa di natura perché è la vita stessa a stuzzicarmi: oltre alla moda, amo i viaggi, i libri, l'arte, il cinema, la fotografia, la musica, il nuoto e la buona tavola, possibilmente in compagnia. La positività è la mia filosofia di vita: mi piace costruire, non distruggere. Sono web content editor, insegno Fashion Web Editing in Accademia Del Lusso, mi occupo di consulenze sempre in ambito moda e/o comunicazione e infine porto avanti con entusiasmo questo blog. Detesto i limiti, i confini, i preconcetti – soprattutto i miei – e mi piace fare tutto ciò che posso per superarli. Se volete provare a diventare miei amici, potete offrirmi un piatto di tortellini in brodo oppure potete propormi la visione di “Ghost”: inguaribile romantica (e ottimista), riesco ancora a sperare che il finale triste si trasformi in un "happy end".

Lascia un commento

Nome*

email* (not published)

website

error: Sii glittering, non copiare :-)