Fausto Colato experience: io artigiana per un giorno

Vi è mai capitato, guardando un oggetto, di pensare “ma sì, potrei essere capace di farlo anch’io”?

Lo confesso, a me è capitato di fare pensieri di questo tipo e non per arroganza, ve l’assicuro: credo capiti con quegli oggetti che fanno talmente parte della nostra quotidianità da portarci a considerarli non dico scontati, ma comunque piuttosto normali e semplici.

Faccio un esempio pratico: la cintura.

Chi di noi non la usa? Per gli uomini, poi, è fondamentale.

Ecco, fino a dieci giorni fa, avrei giurato che fare una cintura fosse un’operazione non particolarmente difficile o complicata: per carità, non immaginavo fosse una cosa alla portata di tutti (e soprattutto non alla mia portata, visto la mia manualità non eccelsa), ma – onestamente – non pensavo nemmeno che per fabbricarne una a regola d’arte, rigorosamente fatta a mano, di ottima qualità e destinata a durare nel tempo, fossero necessari addirittura una trentina di diversi passaggi.

Per fortuna, a sanare questa mia grande ignoranza è giunto il bravissimo Paky Sarao, il designer alla guida del laboratorio artigianale Fausto Colato, realtà manifatturiera specializzata in pelletteria di alto profilo.

L’azienda è nata nel 1989 e la lunga esperienza maturata sia in ambito produttivo sia nel campo della ricerca consente oggi alla Fausto Colato di proporre articoli che per qualità, stile e originalità ben rappresentano il made in Italy, quello autentico.

La sede Fausto Colato è composta dallo spazio espositivo e dal laboratorio.
La sede Fausto Colato è composta dallo spazio espositivo e dal laboratorio.

La produzione è infatti interamente portata a compimento nel laboratorio milanese e riguarda prevalentemente la lavorazione manuale di pellami esotici per la realizzazione di cinture nonché di pellami come cuoio e vitello per una gamma di articoli come per esempio borse, cartelle, portafogli.

Sotto la guida esperta di Paky, i maestri pellettieri selezionano accuratamente le pelli, certificandone provenienza e qualità, per poi eseguire lavorazioni precise, affascinanti e ricercate secondo la migliore tradizione artigianale italiana.

Paky è un grande conoscitore dei pellami esotici e, proprio perché li ama, tiene al fatto che nel suo laboratorio tutto sia limpido anche per quanto riguarda l’origine: l’intera produzione Fausto Colato osserva scrupolosamente le regole stabilite dalla normativa CITES, acronimo di Convention on International Trade of Endangered Species.

Si tratta di una convenzione internazionale firmata a Washington nel 1973 e ha lo scopo di regolamentare il commercio di fauna e flora selvatiche in pericolo di estinzione, mirando a impedire lo sfruttamento commerciale delle specie in pericolo: gli elenchi ufficiali delle varietà protette vengono aggiornati periodicamente e, in Italia, il CITES viene gestito da un’istituzione che fa parte del Corpo Forestale dello Stato.

Il documento che si richiede e che viene rilasciato è una sorta di carta di identità della pelle: vi si trova il paese di origine, il nome scientifico e comune e dati importanti come il tipo di provenienza (da allevamento oppure da animale cacciato in natura).

Il Servizio CITES si occupa del rilascio dei certificati e dei controlli, dalle dogane fino alle varie movimentazioni commerciali: in parole povere, ciò che entra come materia prima deve corrispondere a ciò che esce in termini di prodotto finito (e viceversa), il tutto allo scopo di rendere difficoltose le importazioni illegali di materiali non consentiti.

Tutto ciò è per me estremamente importante: come ho scritto in più occasioni, sono favorevole all’utilizzo dei pellami, ma esigo che detto utilizzo venga fatto con criterio, testa e secondo regole che devono esistere. Sono assolutamente contraria a un impiego indiscriminato, selvaggio e non regolamentato, dunque la scrupolosità di Paky da questo punto di vista aggiunge ulteriore valore ai suoi prodotti.

In un locale appositamente attrezzato per garantire la perfetta conservazione, il designer Paky Sarao ci mostra alcuni pezzi notevoli, come questa bellissima pelle lunga circa 4 – 5 metri.
In un locale appositamente attrezzato per garantire la perfetta conservazione, il designer Paky Sarao ci mostra alcuni pezzi notevoli, come questa bellissima pelle lunga circa 4 – 5 metri.
I pellami compongono un pregiato arcobaleno.
I pellami compongono un pregiato arcobaleno.

I prodotti che escono dal laboratorio Fausto Colato vengono apprezzati da una clientela internazionale e sono attualmente presenti, oltre che sul mercato italiano, su quello europeo, giapponese e statunitense.

Paky non fa però affidamento solo sulla tradizione: studi continui e indagini di settore gli permettono di arricchire costantemente la gamma peraltro già vasta di modelli esistenti e così, in aggiunta ai modelli classici e continuativi, veri cavalli di battaglia dell’azienda, riesce a proporre articoli dal design innovativo, sempre in sintonia con l’evoluzione dello stile.

La produzione è talmente di alto livello che Paky e il suo team producono cinture che escono sul mercato non solo a nome Fausto Colato, ma anche per grandi marchi molto conosciuti.

Cura e ricerca si riflettono anche sulle fibbie: da quelle più semplici a quelle che sono delle piccole sculture, in argento e talvolta impreziosite con pietre, esse sono tutt’altro che dettagli e contraddistinguono ulteriormente la produzione.

Girovagando per la sede di Fausto Colato: da un vero cranio di alligatore…
Girovagando per la sede di Fausto Colato: da un vero cranio di alligatore…
… alle forme per fare la punta delle cinture…
… alle forme per fare la punta delle cinture…
… fino ad alcune cartelle colore.
… fino ad alcune cartelle colore.

Ciò in cui sono stata coinvolta insieme a tre colleghi (il mio amico Andrea Tisci di Fashion Ancien, Camilla Gullà di Camilla’s Secrets e Stefania Bravi di The Cherry Jam) è un vero e proprio workshop durante il quale, partendo da zero, ognuno di noi ha realizzato una cintura, naturalmente grazie alla guida esperta di Paky e della sua squadra.

Come potete vedere dalle foto che accompagnano questo post, quando scrivo che siamo partiti da zero non scherzo affatto né ingigantisco la cosa: Paky ha fatto scegliere a tutti noi il pellame preferito e da questo, passo dopo passo, siamo arrivati alla cintura finita.

Alcune operazioni sono state compiute da noi, altre sono state eseguite da lui o dal suo team in quanto sono passaggi che richiedono una certa maestria nell’utilizzo di strumenti e macchinari necessari.

Vi confesso che vedere nascere da zero la mia cintura e aver contribuito in prima persona a realizzarla è stata una gran soddisfazione: ero davvero elettrizzata e quando Paky ci ha dato l’opportunità di incidere una data personalizzata all’interno, non ho avuto un momento di esitazione.

Non volevo la mia data di nascita, dettaglio del tutto insignificante in questo caso, bensì la data di questo giorno stimolante e unico, a imperituro ricordo di un’esperienza che ho molto, molto apprezzato.

Si parte dalla scelta delle pelli di iguana che diventeranno le nostre cinture.
Si parte dalla scelta delle pelli di iguana che diventeranno le nostre cinture.
A ciascuno il suo: da sinistra, Stefania Bravi di <em>The Cherry Jam</em> con la sua pelle nera, io con la mia pelle arancio, Camilla Gullà di <em>Camilla’s Secrets</em> con la sua pelle cipria e il mio amico Andrea Tisci di <em>Fashion Ancien</em> con la sua pelle bordeaux.
A ciascuno il suo: da sinistra, Stefania Bravi di The Cherry Jam con la sua pelle nera, io con la mia pelle arancio, Camilla Gullà di Camilla’s Secrets con la sua pelle cipria e il mio amico Andrea Tisci di Fashion Ancien con la sua pelle bordeaux.
Insieme a Paky in showroom per scegliere l’altezza delle nostre cinture.
Insieme a Paky in showroom per scegliere l’altezza delle nostre cinture.
La prima fase prevede il taglio della pelle con fustelle e trancia: Paky mi mostra come si fa.
La prima fase prevede il taglio della pelle con fustelle e trancia: Paky mi mostra come si fa.
Io intenta a capire…
Io intenta a capire…
Pronta ad azionare la trancia sotto l’occhio vigile (e sorridente) di Paky.
Pronta ad azionare la trancia sotto l’occhio vigile (e sorridente) di Paky.
Ed ecco la prima trasformazione: le pelli intere sono state tagliate ed è stato fatto anche l’accoppiamento nonché la sequenza seguendo il disegno delle squame.
Ed ecco la prima trasformazione: le pelli intere sono state tagliate ed è stato fatto anche l’accoppiamento nonché la sequenza seguendo il disegno delle squame.
Dopo aver fatto la scarnitura che permette di effettuare delle giunte perfette e senza dislivelli, eccomi intenta all’incollaggio dei pezzi.
Dopo aver fatto la scarnitura che permette di effettuare delle giunte perfette e senza dislivelli, eccomi intenta all’incollaggio dei pezzi.
Mentre io incollo seguendo scrupolosamente l’accoppiamento fatto in base al disegno delle squame, Paky pressa il tutto.
Mentre io incollo seguendo scrupolosamente l’accoppiamento fatto in base al disegno delle squame, Paky pressa il tutto.
Dopo l’incollaggio e la pressa, inizio a vedere la mia cintura prendere forma…
Dopo l’incollaggio e la pressa, inizio a vedere la mia cintura prendere forma…
Fase difficilissima: la scelta delle fibbie! Non difficile tecnicamente, naturalmente, ma per via dell’ampia scelta offerta da Paky. Anche le fibbie sono tutte made in Italy.
Fase difficilissima: la scelta delle fibbie! Non difficile tecnicamente, naturalmente, ma per via dell’ampia scelta offerta da Paky. Anche le fibbie sono tutte made in Italy.
Attimo di indecisione per me e Andrea: polpo o teste di cavalli?
Attimo di indecisione per me e Andrea: polpo o teste di cavalli?
Scelte fatte (finalmente): fibbia con ardiglione a forma di serpentello per Stefania e Camilla, fibbia-scultura con cavalli per me e Andrea.
Scelte fatte (finalmente): fibbia con ardiglione a forma di serpentello per Stefania e Camilla, fibbia-scultura con cavalli per me e Andrea.
Paky procede ad agatare (ovvero lucidare) la mia cintura: l’operazione si chiama così perché a rendere lucida e uniforme la superficie della pelle è un rullo in agata.
Paky procede ad agatare (ovvero lucidare) la mia cintura: l’operazione si chiama così perché a rendere lucida e uniforme la superficie della pelle è un rullo in agata.
Paky alla prima fase di incollaggio: il sopra (ovvero la pelle di iguana) viene fissato al sotto (ovvero la fodera sempre in pelle).
Paky alla prima fase di incollaggio: il sopra (ovvero la pelle di iguana) viene fissato al sotto (ovvero la fodera sempre in pelle).
L’incollaggio della mia cintura.
L’incollaggio della mia cintura.
Tutti intenti a seguire Paky come allievi diligenti…
Tutti intenti a seguire Paky come allievi diligenti…
Si può procedere a fare la punta alla cintura.
Si può procedere a fare la punta alla cintura.
Io alla macchina che fa i buchi, quelli in cui si va a inserire l’ardiglione della fibbia.
Io alla macchina che fa i buchi, quelli in cui si va a inserire l’ardiglione della fibbia.
La macchina che fa i fori per affrancare la fibbia.
La macchina che fa i fori per affrancare la fibbia.
La cucitura rende perfetta e durevole la cintura.
La cucitura rende perfetta e durevole la cintura.
I timbri per il retro della cintura: si appone la taglia, il nome della pelle e la dicitura <em>Made in Italy.</em>
I timbri per il retro della cintura: si appone la taglia, il nome della pelle e la dicitura Made in Italy.
Il retro delle nostre cinture con la data della nostra <em>Fausto Colato experience.</em>
Il retro delle nostre cinture con la data della nostra Fausto Colato experience.
Siamo quasi alla fine: la mia cintura cucita, forata e dotata di passante è pronta per essere unita alla fibbia e al tira-passante.
Siamo quasi alla fine: la mia cintura cucita, forata e dotata di passante è pronta per essere unita alla fibbia e al tira-passante.
Ecco la cucitura della fibbia: notate un’ulteriore rifinitura, i bordi della cintura sono stati tinti e quindi perfettamente sigillati.
Ecco la cucitura della fibbia: notate un’ulteriore rifinitura, i bordi della cintura sono stati tinti e quindi perfettamente sigillati.
Ed ecco la mia cintura finalmente completata dopo una trentina di passaggi!
Ed ecco la mia cintura finalmente completata dopo una trentina di passaggi!
Le nostre quattro cinture e, sotto, noi contenti.
Le nostre quattro cinture e, sotto, noi contenti.

Ve lo posso dire ufficialmente: fare una cintura è tutt’altro che semplice.

Non per nulla, da questo laboratorio ne escono 32.000 all’anno che, in fondo, non è un numero enorme – non se messo a confronto con certe produzioni in serie e industriali. Eppure, diventa un numero importante se pensate che tutto in Fausto Colato è fatto a mano: allora 32.000 pezzi non appaiono pochi e fanno capire che questo team lavora moltissimo.

Non solo: ora che conosco i segreti, penso che, quando farò acquisti, sarò ancora più esigente del solito perché posso dirvi che una cintura fatta a mano è tutta un’altra storia, un valore autentico, qualcosa che può accompagnarci nel tempo e dunque è una scelta importante.

E allora, come sempre, vale una vecchia, buona regola: meglio comprare una cintura in meno ma di valore, fatta in Italia da veri maestri.

E pensare che in giro non ce ne sono più tanti… Per questo sono ancora più grata a Paky Sarao per questa meravigliosa esperienza, con l’augurio che il suo mestiere, una vera e propria nobilissima arte, non sparisca.

Sarebbe una perdita inestimabile.

Manu

 

 

 

Le foto (tranne la panoramica dello showroom e quelle in cui sono presente) sono miei scatti realizzati il 15 luglio presso il laboratorio Fausto Colato

 

 

 

Per maggiori informazioni e per approfondire:

Qui trovate il sito Fausto Colato (con Store Locator), qui la pagina Facebook e qui Instagram.

 

 

 

 

 

Se vi va, potete seguire A glittering woman su Facebook | Twitter | Instagram

 

 

 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Manu

Mi chiamo Emanuela Pirré, Manu per gli amici di vita quotidiana e di web, e sono nata un tot di anni fa con una malattia: la moda. La moda è come l’aria che respiro: ne ho bisogno perché per me è una forma di cultura, una modalità di espressione e di comunicazione, un linguaggio che amo e rispetto. Il minimalismo non è il mio forte e sono allergica a pregiudizi, convenzioni, conformismo e omologazione. Vivo sospesa tra passione per il vintage e amore per il futuro e sono orgogliosa della mia nutrita collezione di bijou iniziata quando avevo 15 anni: per fortuna Enrico, la mia metà, sopporta con pazienza entrambe, me e la collezione. Sono curiosa di natura perché è la vita stessa a stuzzicarmi: oltre alla moda, amo i viaggi, i libri, l'arte, il cinema, la fotografia, la musica, il nuoto e la buona tavola, possibilmente in compagnia. La positività è la mia filosofia di vita: mi piace costruire, non distruggere. Sono web content editor, insegno Fashion Web Editing in Accademia Del Lusso e porto avanti con entusiasmo questo blog: detesto i limiti, i confini, i preconcetti – soprattutto i miei – e mi piace fare tutto ciò che posso per superarli. Se volete provare a diventare miei amici, potete offrirmi un piatto di tortellini in brodo oppure potete propormi la visione di “Ghost”: inguaribile romantica (e ottimista), riesco ancora a sperare che il finale triste si trasformi in un "happy end".

Lascia un commento

Nome*

email* (not published)

website

error: Sii glittering, non copiare :-)