Saint Laurent e quel confine (sottile) tra magrezza e malattia

Giorni fa, ho letto una notizia che ha catturato la mia attenzione: in Gran Bretagna, una pubblicità della maison Saint Laurent è stata proibita in quanto la protagonista della foto è una modella troppo magra.
La Advertising Standards Authority (ASA), l’agenzia indipendente che regola il mercato pubblicitario inglese, ha giudicato che la protagonista apparisse decisamente sottopeso, precisamente “… the model appeared unhealthily underweight in the image”.
L’immagine in bianco e nero era apparsa sull’edizione inglese della rivista Elle: la modella, sdraiata per terra, indossa un abito corto che lascia vedere gambe lunghissime e magrissime.
Non so che impressione faccia a voi, ma vi dirò la mia opinione: più che uno scatto glamour, mi sembra che la ragazza sia a terra, in quella posizione, con gli occhi chiusi e le braccia sulla testa, perché ha perso i sensi.
La maison francese ha contestato le accuse, naturalmente, ma sembrerebbe non abbia dato una risposta ufficiale all’ASA la quale, nelle motivazioni a fronte della censura, scrive “the ad was irresponsible”, ovvero “la pubblicità era irresponsabile”.
Da tempo sostengo che nella moda regni una certa ipocrisia: tutti si schierano contro anoressia e disordini alimentari eppure molti stilisti, brand e maison continuano a scegliere ragazze magrissime, a volte scheletriche. Anzi, più che sceglierle creano proprio la richiesta.
Sono felice che l’ASA abbia preso questa posizione, facendo una scelta coraggiosa e dicendo a voce alta ciò che molti, guardando la foto, avrebbero pensato: quell’immagine è irresponsabile.
E mi auguro di non vederla mai su nessuna rivista italiana con lo scopo di pubblicizzare degli abiti (assurdo!): il fatto di averla pubblicata, nonostante la cosa mi ripugni, è una scelta precisa. Ho voluto dare spazio alla notizia per sottolineare che è sempre possibile fare scelte indipendenti e di rottura.
Business is business, si dice, ma ogni tanto – per fortuna – qualcuno ci mette anche un po’ di coscienza.

Manu

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Manu

Mi chiamo Emanuela Pirré, Manu per gli amici di vita quotidiana e di web, e sono nata un tot di anni fa con una malattia: la moda. La moda è come l’aria che respiro: ne ho bisogno perché per me è una forma di cultura, una modalità di espressione e di comunicazione, un linguaggio che amo e rispetto. Il minimalismo non è il mio forte e sono allergica a pregiudizi, convenzioni, conformismo e omologazione. Vivo sospesa tra passione per il vintage e amore per il futuro e sono orgogliosa della mia nutrita collezione di bijou iniziata quando avevo 15 anni: per fortuna Enrico, la mia metà, sopporta con pazienza entrambe, me e la collezione. Sono curiosa di natura perché è la vita stessa a stuzzicarmi: oltre alla moda, amo i viaggi, i libri, l'arte, il cinema, la fotografia, la musica, il nuoto e la buona tavola, possibilmente in compagnia. La positività è la mia filosofia di vita: mi piace costruire, non distruggere. Sono web content editor, insegno Fashion Web Editing in Accademia Del Lusso e porto avanti con entusiasmo questo blog: detesto i limiti, i confini, i preconcetti – soprattutto i miei – e mi piace fare tutto ciò che posso per superarli. Se volete provare a diventare miei amici, potete offrirmi un piatto di tortellini in brodo oppure potete propormi la visione di “Ghost”: inguaribile romantica (e ottimista), riesco ancora a sperare che il finale triste si trasformi in un "happy end".

Glittering comments

Giorgia
Reply

A me questa ragazza fa una brutta impressione: avrebbero potuto mettere l’abito su un manichino o su una gruccia, forse sarebbe stato meglio.
Sai chi sia la modella?
Giorgia

Manu
Reply

Carissima Giorgia,
ti ringrazio molto per il tuo commento che, tra l’altro, mi dà la possibilità di sanare una mia precedente mancanza, ovvero quella di non aver citato il nome della modella.
La foto ritrae Kiki Willems, modella 18enne, ed è stata scattata da Hedi Slimane, direttore creativo di Saint Laurent, per la campagna pubblicitaria primavera / estate 2015. Se cerchi Kiki su Google, troverai altre immagini e vedrai che, in effetti, è tanto magra: costituzione o forzatura? Mah…
Sono contenta che tu mi abbia dato l’opportunità di tornare sull’argomento e di citare il suo nome, non averlo fatto contribuisce a toglierle ulteriormente personalità…
Per quanto riguarda il parallelo tra modella, manichino e gruccia, devo dirti che altre persone hanno detto qualcosa di simile commentando le mie condivisioni di questo post sui canali social.
Metto i link di queste discussioni perché sono venuti fuori molti spunti interessanti: qui, qui, qui, qui e qui.
Infine, ecco il link per chi volesse leggere la decisione originale dell’ASA: qui.
Ancora grazie per il tuo commento davvero prezioso,
Manu

Lascia un commento

Nome*

email* (not published)

website

error: Sii glittering, non copiare :-)