MFW: empatia (poca), metatarsi malconci e tanta bellezza, per fortuna!

Adoro girare la mia città – Milano – a piedi, anche quando si tratta di fare molti chilometri.
Trovo che, se il clima lo consente, muoversi a piedi sia il miglior modo per conoscere il luogo in cui si vive, senza contare i notevoli benefici per salute e spirito.
Datemi un paio di scarpe comode e per me camminare non solo non è un problema, ma è invece una gioia: in questi giorni, poi, Milano gode di un clima perfetto, né caldo né freddo, quel tempo che vorrei durasse tutto l’anno.

Dovete però sapere che mercoledì scorso, primo giorno di MFW (alias Milano Fashion Week alias Milano Moda Donna alias Settimana della Moda di Milano), ho sbagliato la fondamentale scelta delle scarpe.
Ho indossato un modello che di solito è piuttosto comodo, con una leggera zeppa interna: non avevo però immaginato di percorrere quasi 15 chilometri a piedi. Posso quantificarli con tanta precisione perché ho condiviso la giornata con un caro amico (che si chiama Andrea Tisci) il quale aveva un contapassi.
Ecco, diciamo che 15 chilometri a piedi rendono scomoda qualsiasi zeppa non dotata di plateau anteriore, come è il caso di quelle mie scarpe. E, tra l’altro, la cosa peggiore non è nemmeno il fatto di camminare, bensì quello di fare lunghe soste in piedi, fermi sul posto, esattamente come accade durante la MFW per sfilate, presentazioni, incontri ed eventi, con tutto il peso del corpo che grava pericolosamente su metatarso e tallone.
Risultato: mercoledì sera quasi piangevo per il dolore. E per la rabbia, perché ho una certa esperienza e, in realtà, non avrei dovuto farmi fregare come una principiante alle prime armi.

Di conseguenza, giovedì mattina, ho optato per un paio di comodi anfibi: avevo ancora i piedi doloranti, lo giuro, ma il metatarso, almeno, ha ringraziato.
E, comunque, non ho affatto rinunciato a camminare, anzi.
A un certo punto della giornata, però, ho avuto la malaugurata idea di prendere il filobus per recarmi da una sfilata a una presentazione: ero di corsa e tra i due luoghi c’era una certa distanza.
Direte voi: perché, allora, scrivo di aver avuto un’idea malaugurata?
Perché il filobus procedeva un po’ a fatica per via del traffico nonché di alcuni cantieri dovuti a diversi lavori in corso: le fermate erano piene di gente in attesa, la vettura era colma e molti erano spazientiti.
Tant’è che una donna ha chiesto al conducente il motivo di tanta confusione e lui le ha risposto “C’è la Fashion Week, signora”.
E lei, di rimando: “Ah, ecco! Vede, se avessero invece qualcosa di serio da fare”.

Chi legge il blog abitualmente sa quanto io detesti i cliché di ogni tipo, ordine e grado e questa illuminata sentenza è proprio questo, un ottimo (anzi, pessimo) esempio di cliché.
E mi è davvero insopportabile, forse anche perché mi tocca in prima persona, lo ammetto.
Dunque, vorrei dire alcune cosette.

Primo: il caos non era dovuto solo alla MFW, mio caro conducente e mia cara signora, ma anche e in buona misura ai lavori in corso.
Occorrerebbe che chi di dovere fosse capace di gestire meglio la viabilità di una metropoli come Milano; occorrerebbe pensare con maggiore attenzione a cosa fare in giorni di traffico straordinario e conseguente forte congestione.
Occorrerebbe pensare a misure che evitino di fare infuriare tutti quanti e che evitino di far tirare fuori i soliti luoghi comuni.

Secondo: la moda è un lavoro.
Per qualcuno è un passatempo, certo, ma checché si faccia fatica a crederlo, per molti è un lavoro come un altro, esattamente come fare il panettiere, l’avvocato, l’impiegato in banca, il vigile urbano e qualsiasi altro mestiere vi venga in mente.
E credo io non debba citare e / o specificare quante decine di professioni e sfumature esistano nella moda, una delle voci più importanti della bilancia commerciale italiana, una voce che crea impiego e che, di conseguenza, contribuisce a far girare la nostra (sofferente) economia.

Terzo: non è che il caos faccia piacere a chi si occupa di moda e gira per la MFW.
Non siamo certo noi che lo vogliamo esattamente come non è contento chi al mattino deve accompagnare i figli a scuola e viene accusato di creare traffico.
Lo ripeto, forse la colpa è di chi non sa gestire le città.
E tra l’altro, proprio quella mattina, per raggiungere la prima sfilata che avevo in agenda, mi ero fatta a piedi un’iniziale dose di chilometri, proprio per il traffico e proprio nel timore di arrivare tardi, zitta zitta e con il sorriso sulle labbra nonostante i piedi indolenziti.
Dunque, il traffico danneggia anche la moda e chi non ha “qualcosa di serio da fare”, per dirlo con le parole di quella gentile signora.

Quarto: non mi risulta che, qualsiasi cosa o mestiere si faccia nella vita, si vada in giro nudi, dunque – alla fine – la moda serve a tutti, in un modo o nell’altro, e riguarda tutti, ahimè, non solo quelli che non hanno “qualcosa di serio da fare”.
Sapete, ogni volta in cui sento il noiosissimo cliché che colloca agli antipodi moda e serietà mi viene in mente il film Il Diavolo veste Prada e la scena in cui Amanda Priestly dà una lezione alla sua neo assistente Andy Sachs la quale non si cura minimamente di celare il disinteresse (nonché una punta di disprezzo) verso l’ambiente nel quale è entrata e che le ha dato un lavoro.
Se volete, parlo in dettaglio della cosa qui, ma in pratica il succo è che la dispotica direttrice spiega alla ragazza come perfino chi si crede lontano anni luce dalla moda difficilmente ne è invece totalmente estraneo. Perché la moda è attorno a noi, accompagna la società e non riguarda solo gli abiti che indossiamo.

E così arriviamo al quinto punto, forse quello che mi sta più a cuore.
La moda è fatta non solo dai privilegiati (e lo dico senza disprezzo né invidia, lo giuro, ma con ammirazione) che magari si muovono in auto privata (generando traffico… ma guarda che sciagurati!), ma anche (e soprattutto) dalla manovalanza nella quale mi includo – e siamo la maggioranza, occorre dirlo.
Una maggioranza fatta di quelli che macinano chilometri a piedi.
Di quelli che si svegliano all’alba per tornare a casa solo a tarda sera.
Di quelli che alla sera, terminati gli appuntamenti di lavoro, non vanno ai party perché sono stravolti dalla stanchezza e perché magari non avrebbero nemmeno i mezzi pubblici per far ritorno a casa (e farebbero fatica a pagarsi un taxi come alternativa, anche perché le camminate si fanno volentieri e per piacere, come ho raccontato, ma a volte anche per risparmiare i soldi del biglietto del tram… figuriamoci il taxi).
Di quelli che dunque non vivono il lato più glamour e frivolo della moda. E non dico che chi invece lo fa faccia male e abbia torto, anzi, al contrario (fanno benissimo!); ma c’è anche chi – come me – preferisce tornare a casa da un marito o da un compagno o dai figli. C’è chi ha il cane da portare a fare la passeggiata (Andrea, il mio caro amico del contapassi).
E tutto questo perché siamo persone normali, non marziani.

Una maggioranza fatta di quelli che, oltre che per impegni o questioni familiari, preferiscono tornare a casa anche perché devono scremare e preparare decine e decine di foto, devono finire pezzi da consegnare e da pubblicare in gran fretta.
Di quelli che vanno avanti a oltranza e che spengono il pc alle due o alle tre di notte (anche alle quattro, a volte) e puntano la sveglia alle sei, magari proprio per accompagnare i figli a scuola, esattamente come qualsiasi altro genitore lavoratore.
Di quelli che spesso fanno tutto ciò nel precariato, senza stipendio sicuro né posto fisso e per cifre che difficilmente (anzi, praticamente mai) sono elevate.

La sottoscritta alla sfilata di Alberto Zambelli. Altri, forse, non avrebbero pubblicato uno scatto del genere; io, invece, trovo che questa foto opera del mio carissimo amico Andrea Tisci (ancora lui, vedere contapassi e cane citati qui sopra!) spieghi la mia passione molto meglio di mille parole. Dal posto che mi era stato assegnato non vedevo bene, dunque ho deciso di sedermi per terra, a gambe incrociate, nonostante l’abitino che indossavo (e che ho sistemato a dovere, tranquilli). Le code del soprabito, invece, si sono miracolosamente e inspiegabilmente sistemate da sole e così Andrea ha scattato e, quando mi ha mostrato la foto, l’ho amata: sono io, mai perfetta, spesso un po’ scomposta, ma innamorata di ciò che faccio, tanto da essere disposta ad apparire poco signora, come direbbe qualcuno. <em>Grazie, Andrea.</em>
La sottoscritta alla sfilata di Alberto Zambelli. Altri, forse, non avrebbero pubblicato uno scatto del genere; io, invece, trovo che questa foto opera del mio carissimo amico Andrea Tisci (ancora lui, vedere contapassi e cane citati qui sopra!) spieghi la mia passione molto meglio di mille parole. Dal posto che mi era stato assegnato non vedevo bene, dunque ho deciso di sedermi per terra, a gambe incrociate, nonostante l’abitino che indossavo (e che ho sistemato a dovere, tranquilli). Le code del soprabito, invece, si sono miracolosamente e inspiegabilmente sistemate da sole e così Andrea ha scattato e, quando mi ha mostrato la foto, l’ho amata: sono io, mai perfetta, spesso un po’ scomposta, ma innamorata di ciò che faccio, tanto da essere disposta ad apparire poco signora, come direbbe qualcuno. Grazie, Andrea.

Non sto piagnucolando, sia ben chiaro: non ne ho alcuna intenzione.
Non sto dicendo che siamo dei santi o dei martiri o delle vittime o che salviamo vite o che cambiamo il mondo o che portiamo la pace.
Al limite (ma proprio al limite) portiamo un po’ di allegria, bellezza e colore (in tutti i sensi), cose che comunque rendono (o possono rendere) la vita un po’ più piacevole.
Non sto nemmeno insinuando che qualcuno ci obblighi, per carità, nessuno ci punta una pistola alla tempia: sono scelte così come ognuno di noi ne fa, nel lavoro e nel privato.

Sto solo dicendo che non è esattamente vero che siamo gente che non “ha qualcosa di serio da fare”.
Sto dicendo che anche noi che lavoriamo nella moda facciamo un lavoro onesto, come tutti; che siamo persone normali, come tutti; che abbiamo problemi, come tutti e come ho già scritto.
Sto dicendo che non viviamo (solo) di polverina glitterata (giusto per restare in tema glittering woman) nonostante cerchiamo sempre di trovare, vedere e trasmettere quel luccichio che rende – appunto – più bella la vita.

Aggiungo che tutto ciò che ho elencato (e che non è esaustivo) si riesce a sopportare solo grazie a una enorme passione, a una forte determinazione e a uno sconfinato desiderio di condivisione: ecco, in questo siamo privilegiati, forse, nel fare qualcosa che amiamo.
Ma esiste un prezzo da pagare e spesso è piuttosto salato, perché non esistono sogni gratuiti. Sognare è gratuito, realizzare un sogno no.
Oltre al sonno perso, ai pasti saltati (non per dieta ma per i ritmi) e ai piedi doloranti, paghiamo il prezzo soprattutto con l’assenza di una tranquilla routine e con la testa eternamente piena di sogni che difficilmente riusciremo a coronare.
Perché viviamo di bellezza, ogni giorno, ma poi come quasi tutti abbiamo il mutuo nonché troppe bollette da pagare e allora ci vestiamo anche noi grazie alle catene di fast fashion mescolando, magari, qualche pezzo pregiato scovato a una svendita o in un mercatino vintage.

E se non ci fossero passione, forza, determinazione, forse davvero andremmo a fare altro, non qualcosa di più serio, come dice qualcuno, ma probabilmente qualcosa di più tranquillo.
E, possibilmente, meglio retribuito – in termini monetari, intendo.

Peccato che la moda (il blog, il lavoro di redattrice, la cattedra in Accademia del Lusso) sia un pezzo importante del mio cuore nonché della mia vita. Cosa farei senza?

Scusate il lungo sproloquio, amici miei, ma quel commento così sprezzante, superficiale e irrispettoso, quel fare di tutta l’erba un fascio con noncuranza, quel luogo comune fastidioso… insomma, tutto ciò mi ha fatto rimanere davvero tanto male.
E mi ha dato più dolore di un metatarso malconcio.

Eppure, terminato di blaterare, sono felice di condividere con tutti voi un piccolo assaggio delle migliori scoperte fatte durante la MFW. Le mie scelte, insomma.
Seguiranno tanti post dettagliati dedicati a ogni brand (e con foto di qualità migliore provenienti dagli uffici stampa – grazie ), ma tenevo intanto a dare qualche anticipazione (attraverso i miei occhi perennemente… in corsa quanto lo sono stati i piedi).
Perché nonostante certi sciocchi cliché e nonostante i piedi che mi fanno male ancora oggi (lo giuro)… la moda, per me, resta un sogno. Un meraviglioso sogno. E desidero solo condividerlo.

L’unico rammarico? Non aver avuto più tempo da dedicare a ulteriori scoperte.

Manu

 

 

 

La MFW è partita per me con uno stilista che seguo da molto tempo e che amo: per la primavera / estate 2017, Sergei Grinko fa un mash-up di rivisitazioni, riletture e accostamenti di atmosfere anni ’60, eccessi anni ’80 e minimalismo anni ’90.
La MFW è partita per me con uno stilista che seguo da molto tempo e che amo: per la primavera / estate 2017, Sergei Grinko fa un mash-up di rivisitazioni, riletture e accostamenti di atmosfere anni ’60, eccessi anni ’80 e minimalismo anni ’90.
La moda incontra l’arte: le bellissime scarpe di Daniela Gonzalez ritratte da Anna Nazarova. Una presentazione con vernissage, un matrimonio di bellezza, qualità, estro, colore dalle calzature di Daniela ai quadri di Anna.
La moda incontra l’arte: le bellissime scarpe di Daniela Gonzalez ritratte da Anna Nazarova. Una presentazione con vernissage, un matrimonio di bellezza, qualità, estro, colore dalle calzature di Daniela ai quadri di Anna.
Alberto Zambelli, altro stilista che amo e che firma una linea che porta il suo nome, disegna ora anche la collezione Tychemos e con la collezione SS 2017 rende omaggio al lavoro del pittore Pietro Rotari.
Alberto Zambelli, altro stilista che amo e che firma una linea che porta il suo nome, disegna ora anche la collezione Tychemos e con la collezione SS 2017 rende omaggio al lavoro del pittore Pietro Rotari.
La collezione SS 2017 di Mariù De Sica è invece un omaggio all’Impressionismo. Il suo pensiero? <em>“Catturare ciò che ci circonda. Essere il riflesso della natura, del cielo e dell’atmosfera. Vivere in sintonia con le bellezze della vita.”</em>
La collezione SS 2017 di Mariù De Sica è invece un omaggio all’Impressionismo. Il suo pensiero? “Catturare ciò che ci circonda. Essere il riflesso della natura, del cielo e dell’atmosfera. Vivere in sintonia con le bellezze della vita.”
In principio fu la camicia. E la SS 2017 di CO|TE riparte proprio dalle origini, dall’identità fondante del brand per una collezione che esplora le molteplici possibilità di un capo iconico.
In principio fu la camicia. E la SS 2017 di CO|TE riparte proprio dalle origini, dall’identità fondante del brand per una collezione che esplora le molteplici possibilità di un capo iconico.
Nel 1982, il regista Godfrey Reggio ha diretto il film sperimentale <em>Koyaanisqatsi: Life Out of Balance.</em> Per la collezione SS 2017 di L72, il designer Lee Wood ha tratto ispirazione da quel film e dal mondo odierno in cui viviamo: l’artista Roberto Amoroso ha inoltre sviluppato un intreccio grafico di icone tratte dalle pubblicità italiane degli anni ’50 con simbolismi presi dall’attuale ossessione per i social media.
Nel 1982, il regista Godfrey Reggio ha diretto il film sperimentale Koyaanisqatsi: Life Out of Balance. Per la collezione SS 2017 di L72, il designer Lee Wood ha tratto ispirazione da quel film e dal mondo odierno in cui viviamo: l’artista Roberto Amoroso ha inoltre sviluppato un intreccio grafico di icone tratte dalle pubblicità italiane degli anni ’50 con simbolismi presi dall’attuale ossessione per i social media.
L’ispirazione della collezione SS 2017 di Angelo Marani è la California anni ‘70, immaginando di essere seduti nei giardini dello Château Marmont sul Sunset Boulevard a sorseggiare un cocktail ai frutti tropicali. Sono gli anni di Anjelica Huston, Jack Nicholson, Lauren Hutton, Jane Fonda e di una giovanissima Kim Basinger.
L’ispirazione della collezione SS 2017 di Angelo Marani è la California anni ‘70, immaginando di essere seduti nei giardini dello Château Marmont sul Sunset Boulevard a sorseggiare un cocktail ai frutti tropicali. Sono gli anni di Anjelica Huston, Jack Nicholson, Lauren Hutton, Jane Fonda e di una giovanissima Kim Basinger.
La collezione primavera / estate 2017 di Luisa Beccaria parla di delicate ninfee e di acque che si increspano e poi tornano calme assumendo mille sfumature che arrivano ai toni pervinca. L’acqua muta, fluttua e gioca con la propria natura proprio come la donna immaginata dalla stilista: <em>“un ideale di femminilità deciso e fluido per una ninfa contemporanea”.</em> Lo confesso: non assistevo alla sfilata della Beccaria da qualche stagione, ma questa mi ha fatto sognare.
La collezione primavera / estate 2017 di Luisa Beccaria parla di delicate ninfee e di acque che si increspano e poi tornano calme assumendo mille sfumature che arrivano ai toni pervinca. L’acqua muta, fluttua e gioca con la propria natura proprio come la donna immaginata dalla stilista: “un ideale di femminilità deciso e fluido per una ninfa contemporanea”. Lo confesso: non assistevo alla sfilata della Beccaria da qualche stagione, ma questa mi ha fatto sognare.
Non è solo la collezione L’Arabesque SS 2017 a essere stata presentata nella cornice dell’omonimo cult store di Largo Augusto: sogni e ricordi sono stati i motori ispiratori di <em>Ritratti,</em> live contamination performance proposta in occasione della MFW. Fantastiche memorie hanno preso vita grazie alla suggestiva interpretazione di eteree ballerine del corpo di ballo de La Scala, ballerine che, per l’occasione, si sono spogliate dei costumi di scena per indossare, insieme alle scarpine, le creazioni immaginate e disegnate da Chichi Meroni. Faccio un’altra confessione: ero emozionata. Sinceramente. Con tutta me stessa. Incantata come una bambina per una delle cose più belle che abbia visto negli ultimi tempi. La moda che incontra l’arte e diffonde bellezza e talento: questa è la mia visione. E, per un attimo, mi sono sentita una vera privilegiata, per essere lì e poter essere testimone.
Non è solo la collezione L’Arabesque SS 2017 a essere stata presentata nella cornice dell’omonimo cult store di Largo Augusto: sogni e ricordi sono stati i motori ispiratori di Ritratti, live contamination performance proposta in occasione della MFW. Fantastiche memorie hanno preso vita grazie alla suggestiva interpretazione di eteree ballerine del corpo di ballo de La Scala, ballerine che, per l’occasione, si sono spogliate dei costumi di scena per indossare, insieme alle scarpine, le creazioni immaginate e disegnate da Chichi Meroni. Faccio un’altra confessione: ero emozionata. Sinceramente. Con tutta me stessa. Incantata come una bambina per una delle cose più belle che abbia visto negli ultimi tempi. La moda che incontra l’arte e diffonde bellezza e talento: questa è la mia visione. E, per un attimo, mi sono sentita una vera privilegiata, per essere lì e poter essere testimone.
La collezione Vladimiro Gioia SS 2017 è un viaggio, una continua ispirazione di luoghi, colori, sensazioni. Dalla Cina al Kazakistan, passando per Mongolia, India, Turchia: questo è il viaggio del designer attraverso la Via della Seta. Seguo Vladimiro da tempo e vedere che con determinazione e tanto lavoro è arrivato allo stupendo risultato di dare vita a una collezione completa partendo dalla sapiente lavorazione di pelli e pellicce… beh, è cosa che mi ha dato grande gioia, soddisfazione ed emozione.
La collezione Vladimiro Gioia SS 2017 è un viaggio, una continua ispirazione di luoghi, colori, sensazioni. Dalla Cina al Kazakistan, passando per Mongolia, India, Turchia: questo è il viaggio del designer attraverso la Via della Seta. Seguo Vladimiro da tempo e vedere che con determinazione e tanto lavoro è arrivato allo stupendo risultato di dare vita a una collezione completa partendo dalla sapiente lavorazione di pelli e pellicce… beh, è cosa che mi ha dato grande gioia, soddisfazione ed emozione.
Attitudine metropolitana e casual, amore per la vita manifestato attraverso l’energia del colore, nuance energetiche e solari che vengono accostate in righe geometriche e plissettature architettoniche: è la collezione primavera / estate 2017 pensata da Cristiano Burani. Non mancano materiali preziosi, alta tecnologia e lavorazioni manuali.
Attitudine metropolitana e casual, amore per la vita manifestato attraverso l’energia del colore, nuance energetiche e solari che vengono accostate in righe geometriche e plissettature architettoniche: è la collezione primavera / estate 2017 pensata da Cristiano Burani. Non mancano materiali preziosi, alta tecnologia e lavorazioni manuali.
Tutto ciò che è in miniatura, generalmente, suscita simpatia – o almeno a me fa questo effetto. Queste borsine della collezione SS 2017 di Furla sono davvero in miniatura. E sono davvero simpatiche.
Tutto ciò che è in miniatura, generalmente, suscita simpatia – o almeno a me fa questo effetto. Queste borsine della collezione SS 2017 di Furla sono davvero in miniatura. E sono davvero simpatiche.
Un altro splendido talento: Michele Chiocciolini si ispira ai luoghi della sua memoria e ai posti che gli sono familiari per dare vita alla collezione di borse per la primavera / estate 2017. Le borse a busta sembrano delle cartoline e sono piene di dettagli accattivanti, come la maniglia nascosta sul retro. Meravigliose!
Un altro splendido talento: Michele Chiocciolini si ispira ai luoghi della sua memoria e ai posti che gli sono familiari per dare vita alla collezione di borse per la primavera / estate 2017. Le borse a busta sembrano delle cartoline e sono piene di dettagli accattivanti, come la maniglia nascosta sul retro. Meravigliose!
Foto ricordo dell’evento dedicato a Lucio Costa (ritratto nella foto alle spalle del modello), stilista prematuramente scomparso nel 2012. Roberto Pelizzoni, socio e compagno di Lucio, rilancia oggi il marchio con una nuova SS 2017 capsule collection disegnata partendo da alcuni concetti stilistici di Costa e da alcuni dei suoi capi storici rivisitati con un appeal no gender, no frontiers, no age. Un progetto davvero bello sostenuto con stima e affetto da tanti amici dello stilista nonché professionisti della moda, fotografi, uffici stampa, giornalisti e via dicendo.
Foto ricordo dell’evento dedicato a Lucio Costa (ritratto nella foto alle spalle del modello), stilista prematuramente scomparso nel 2012. Roberto Pelizzoni, socio e compagno di Lucio, rilancia oggi il marchio con una nuova SS 2017 capsule collection disegnata partendo da alcuni concetti stilistici di Costa e da alcuni dei suoi capi storici rivisitati con un appeal no gender, no frontiers, no age. Un progetto davvero bello sostenuto con stima e affetto da tanti amici dello stilista nonché professionisti della moda, fotografi, uffici stampa, giornalisti e via dicendo.
Atsushi Nakashima, stilista giapponese, lo dichiara da subito, fin dal nome della sua collezione SS 2017: si chiama <em>Morphing</em> e racconta di due oggetti che diventano uno solo e si completano. Una trasformazione espressa attraverso la moda: in alcuni casi, le modelle sfilano in due, in un gioco dei doppi. Fino ad arrivare a formare la bandiera giapponese, sul davanti, e quella italiana, sul retro.
Atsushi Nakashima, stilista giapponese, lo dichiara da subito, fin dal nome della sua collezione SS 2017: si chiama Morphing e racconta di due oggetti che diventano uno solo e si completano. Una trasformazione espressa attraverso la moda: in alcuni casi, le modelle sfilano in due, in un gioco dei doppi. Fino ad arrivare a formare la bandiera giapponese, sul davanti, e quella italiana, sul retro.
C’era una volta, negli anni Venti del Novecento, una cineasta tedesca di nome Lotte Reiniger: sapeva animare silhouette di carta e con esse dava vita a veri e propri lungometraggi. I personaggi di questa regista che amava in particolar modo le fiabe più classiche rivivono oggi sui capi di Vivetta, stilista talentuosa, e diventano delicati ricami fatti a mano su casacche in shantung di seta. Il fil rouge delle fiabe e di un mondo immaginario attraversa tutta la collezione primavera / estate 2017 e sfiora tradizioni, epoche e paesi diversi.
C’era una volta, negli anni Venti del Novecento, una cineasta tedesca di nome Lotte Reiniger: sapeva animare silhouette di carta e con esse dava vita a veri e propri lungometraggi. I personaggi di questa regista che amava in particolar modo le fiabe più classiche rivivono oggi sui capi di Vivetta, stilista talentuosa, e diventano delicati ricami fatti a mano su casacche in shantung di seta. Il fil rouge delle fiabe e di un mondo immaginario attraversa tutta la collezione primavera / estate 2017 e sfiora tradizioni, epoche e paesi diversi.
Per la collezione Fisico SS 2017, Cristina Ferrari ritorna alle origini, ovvero all’ispirazione offerta dal Brasile: colori caldi e gioiosi nonché sapori forti ed esotici. Una moda che è divertimento e gioia di vivere: sulla passerella, le modelle, davvero molto belle, giocano, ballano (la samba!), sorridono e ridono. Uno spettacolo vero e di buon gusto, mai esagerato o esibizionista: mi sono divertita molto e non sempre capita alle sfilate (ma sì, facciamo un’altra confessione).
Per la collezione Fisico SS 2017, Cristina Ferrari ritorna alle origini, ovvero all’ispirazione offerta dal Brasile: colori caldi e gioiosi nonché sapori forti ed esotici. Una moda che è divertimento e gioia di vivere: sulla passerella, le modelle, davvero molto belle, giocano, ballano (la samba!), sorridono e ridono. Uno spettacolo vero e di buon gusto, mai esagerato o esibizionista: mi sono divertita molto e non sempre capita alle sfilate (ma sì, facciamo un’altra confessione).
Opere d’arte oppure borse: come investire al meglio i nostri soldi? Con Demanumea non siamo obbligate a scegliere, care amiche: possiamo avere entrambe, borsa e opera d’arte! E io sposo sempre più questo loro progetto che amo e che vedo crescere. Con orgoglio. E se volete saperne di più, <a href="http://www.aglitteringwoman.com/demanumea-borse/" target="_blank">qui</a> trovate il post che ho scritto qualche mese fa.
Opere d’arte oppure borse: come investire al meglio i nostri soldi? Con Demanumea non siamo obbligate a scegliere, care amiche: possiamo avere entrambe, borsa e opera d’arte! E io sposo sempre più questo loro progetto che amo e che vedo crescere. Con orgoglio. E se volete saperne di più, qui trovate il post che ho scritto qualche mese fa.
Ho conosciuto Anita Quansah navigando su Instagram. Innamorarmi delle sue meravigliose creazioni rigorosamente artigianali e che mescolano tante influenze è stato un attimo; ritrovarmela davanti a Palazzo Morando in occasione di <em>Vogue Talents 2016</em> è stata una splendida sorpresa. Ci siamo fatte una chiacchierata e devo dirvi che è anche simpatica. Non ne sono sorpresa.
Ho conosciuto Anita Quansah navigando su Instagram. Innamorarmi delle sue meravigliose creazioni rigorosamente artigianali e che mescolano tante influenze è stato un attimo; ritrovarmela davanti a Palazzo Morando in occasione di Vogue Talents 2016 è stata una splendida sorpresa. Ci siamo fatte una chiacchierata e devo dirvi che è anche simpatica. Non ne sono sorpresa.
Barbie è ormai un’icona: da quest’anno, è disponibile in 4 diverse forme del corpo (original, curvy, petite, tall – ne avevo parlato <a href="http://www.aglitteringwoman.com/barbie-mattel-non-piu-un-solo-modello-bellezza/" target="_blank">qui</a>), 7 diverse tonalità di pelle, 22 colori degli occhi e 24 acconciature diverse. E proprio partendo dalla sua bellezza così versatile è stato chiesto a 10 direttori creativi di altrettante prestigiose case di moda di scatenare la loro fantasia creando dei look su misura per lei, coordinando all’abbigliamento anche make up e acconciature. Ho avuto occasione di vedere il risultato a Palazzo Morando: lì sono state esposte le 10 Barbie in una mostra decisamente divertente e colorata. Speriamo ci siano prossime tappe!
Barbie è ormai un’icona: da quest’anno, è disponibile in 4 diverse forme del corpo (original, curvy, petite, tall – ne avevo parlato qui), 7 diverse tonalità di pelle, 22 colori degli occhi e 24 acconciature diverse. E proprio partendo dalla sua bellezza così versatile è stato chiesto a 10 direttori creativi di altrettante prestigiose case di moda di scatenare la loro fantasia creando dei look su misura per lei, coordinando all’abbigliamento anche make up e acconciature. Ho avuto occasione di vedere il risultato a Palazzo Morando: lì sono state esposte le 10 Barbie in una mostra decisamente divertente e colorata. Speriamo ci siano prossime tappe!
Giulia Marani: chi frequenta <em>A glittering woman</em> sa quanto ami la giovane stilista. Ho parlato spesso di lei in questo mio spazio e sono felice di aver visto di persona i suoi capi che hanno sfilato qualche settimana fa sul red carpet alla Mostra del Cinema di Venezia. Se volete saperne di più, guardate <a href="http://www.aglitteringwoman.com/giulia-salemi-vs-giulia-marani/" target="_blank">qui</a>.
Giulia Marani: chi frequenta A glittering woman sa quanto ami la giovane stilista. Ho parlato spesso di lei in questo mio spazio e sono felice di aver visto di persona i suoi capi che hanno sfilato qualche settimana fa sul red carpet alla Mostra del Cinema di Venezia. Se volete saperne di più, guardate qui.
Ed ecco il mio amato Alberto Zambelli: dopo le fatiche di Tychemos, per la collezione che porta il suo nome, Alberto si ispira a Maria Antonietta e fa una rilettura assai caleidoscopica della figura della sovrana. Un percorso in cui musica, teatro e paesaggio divengono un universo femminile personale e intimo. Ancora una volta, Alberto mi affascina: la sua visione sospesa tra essenza e apparenza, tra contenuto ed estetica, tra sogno e realtà, mi piace. Tanto.
Ed ecco il mio amato Alberto Zambelli: dopo le fatiche di Tychemos, per la collezione che porta il suo nome, Alberto si ispira a Maria Antonietta e fa una rilettura assai caleidoscopica della figura della sovrana. Un percorso in cui musica, teatro e paesaggio divengono un universo femminile personale e intimo. Ancora una volta, Alberto mi affascina: la sua visione sospesa tra essenza e apparenza, tra contenuto ed estetica, tra sogno e realtà, mi piace. Tanto.
La collezione Rocco Barocco guarda verso una nuova musa: Saffo, poetessa dell’Antica Grecia ed esempio senza tempo di femminilità colta, indipendente, consapevole. Ispirato da un affresco visto a Pompei, lo stilista ne riprende i colori e, come nelle liriche di Saffo, attinge alle emozioni del passato per suscitarne di nuove.
La collezione Rocco Barocco guarda verso una nuova musa: Saffo, poetessa dell’Antica Grecia ed esempio senza tempo di femminilità colta, indipendente, consapevole. Ispirato da un affresco visto a Pompei, lo stilista ne riprende i colori e, come nelle liriche di Saffo, attinge alle emozioni del passato per suscitarne di nuove.
La collezione primavera / estate 2017 dello stilista portoghese Carlos Gil conduce in un viaggio culturale e cronologico che attraversa diversi continenti. Offrendo una visione personale di un mondo contrastante, la collezione è il risultato dell’esplorazione di varie culture: è un mix di elementi classici e tradizionali, risulta ricca di volumi ed esuberante nei colori.
La collezione primavera / estate 2017 dello stilista portoghese Carlos Gil conduce in un viaggio culturale e cronologico che attraversa diversi continenti. Offrendo una visione personale di un mondo contrastante, la collezione è il risultato dell’esplorazione di varie culture: è un mix di elementi classici e tradizionali, risulta ricca di volumi ed esuberante nei colori.
Durante i giorni della MFW, mi sono ritagliata un momento per visitare la mostra <em>On Board – Il Principio della creatività.</em> La mostra è stata pensata come un quadro d’insieme che unisce passato e presente, sogni e realtà, arte e mainstream; un ponte che collega mondi, epoche, culture, ricordi e visioni future. Tutto parte dal moodboard dello stilista, quella tavolozza di ispirazione che è un preludio senza regole e senza leggi nonché un incipit che si può valutare come una storia a sé stante prima ancora di diventare una collezione. La mostra è stata dunque dedicata a questo strumento, per metà arte e per metà mestiere, antesignano dei moderni Pinterest e Instagram: ha preso la forma di una collettiva curata da Simone Marchetti e ha esposto i moodboard di diversi stilisti italiani accanto alle collezioni che ne sono poi nate. La mostra ha così offerto un momento di riflessione nonché una panoramica capace di entrare nel vivo della creatività legata alla moda, evidenziandone l’estro immaginifico nonché la peculiarità di analisi sociale e culturale. Ogni moodboard è stato inserito in una sorta di wunderkammer, camera delle meraviglie multimediale che ogni designer ha personalizzato con la propria estetica: in foto, ho immortalato quella di Marni.
Durante i giorni della MFW, mi sono ritagliata un momento per visitare la mostra On Board – Il Principio della creatività. La mostra è stata pensata come un quadro d’insieme che unisce passato e presente, sogni e realtà, arte e mainstream; un ponte che collega mondi, epoche, culture, ricordi e visioni future. Tutto parte dal moodboard dello stilista, quella tavolozza di ispirazione che è un preludio senza regole e senza leggi nonché un incipit che si può valutare come una storia a sé stante prima ancora di diventare una collezione. La mostra è stata dunque dedicata a questo strumento, per metà arte e per metà mestiere, antesignano dei moderni Pinterest e Instagram: ha preso la forma di una collettiva curata da Simone Marchetti e ha esposto i moodboard di diversi stilisti italiani accanto alle collezioni che ne sono poi nate. La mostra ha così offerto un momento di riflessione nonché una panoramica capace di entrare nel vivo della creatività legata alla moda, evidenziandone l’estro immaginifico nonché la peculiarità di analisi sociale e culturale. Ogni moodboard è stato inserito in una sorta di wunderkammer, camera delle meraviglie multimediale che ogni designer ha personalizzato con la propria estetica: in foto, ho immortalato quella di Marni.
Da un libero adattamento del mondo di David Lynch, Pedro Pedro, altro stilista portoghese, fa affidamento a dettagli naturali e sfilacciati: la maggior parte dei capi si mostra decostruita, ma non per questo meno elegante. La collezione ha come protagoniste silhouette con forma ad A e volumi generosi che lasciano spazio al movimento. I colori vedono il sabbia come base, con punte di rosa, diverse tonalità di giallo e pennellate di blu che contrastano con il nero.
Da un libero adattamento del mondo di David Lynch, Pedro Pedro, altro stilista portoghese, fa affidamento a dettagli naturali e sfilacciati: la maggior parte dei capi si mostra decostruita, ma non per questo meno elegante. La collezione ha come protagoniste silhouette con forma ad A e volumi generosi che lasciano spazio al movimento. I colori vedono il sabbia come base, con punte di rosa, diverse tonalità di giallo e pennellate di blu che contrastano con il nero.
Dialoghi tra forme d’arte: le bellissime borse della collezione SS 2017 di Benedetta Bruzziches e la musica intensa di Piero Salvatori. Una presentazione splendida ed emozionante per la brava stilista.
Dialoghi tra forme d’arte: le bellissime borse della collezione SS 2017 di Benedetta Bruzziches e la musica intensa di Piero Salvatori. Una presentazione splendida ed emozionante per la brava stilista.
Il riferimento diretto del giovane designer siciliano Salvatore Piccione è al libro <em>Le vergini suicide</em> di Jeffrey Eugenides nonché al film <em>Il giardino delle vergini suicide</em> di Sophia Coppola: il fragile mondo di vetro di cinque adolescenti viene incrinato irrimediabilmente dalla volontà dei genitori di preservarlo. Nella collezione Piccione.Piccione primavera / estate 2017, le ragazze riescono invece a trovare idealmente una via autonoma verso il mondo e non scelgono di rifiutarlo: la loro dimensione, in equilibrio tra innocenza e realtà, raggiunge una perfezione eterna. Pizzi, sangalli, ricami, stampe, materiali e colori sviluppano un racconto che ruota intorno agli stereotipi del femminile accendendo però il tutto di contemporaneità.
Il riferimento diretto del giovane designer siciliano Salvatore Piccione è al libro Le vergini suicide di Jeffrey Eugenides nonché al film Il giardino delle vergini suicide di Sophia Coppola: il fragile mondo di vetro di cinque adolescenti viene incrinato irrimediabilmente dalla volontà dei genitori di preservarlo. Nella collezione Piccione.Piccione primavera / estate 2017, le ragazze riescono invece a trovare idealmente una via autonoma verso il mondo e non scelgono di rifiutarlo: la loro dimensione, in equilibrio tra innocenza e realtà, raggiunge una perfezione eterna. Pizzi, sangalli, ricami, stampe, materiali e colori sviluppano un racconto che ruota intorno agli stereotipi del femminile accendendo però il tutto di contemporaneità.
Slipper per grandi e piccini: è il mondo avvolgente e raffinato di Adoro Te. La creatrice, Elena Del Carratore, designer e manager, viene da una famiglia di imprenditori che dal 1895 produce calzature di altissima qualità. Elena ha iniziato con una collezione di scarpine da bebè poi sviluppate nella versione adulta, slipper da casa con un appeal molto chic e ispirato alla casa contemporanea, cornice emotiva che sempre più amiamo vivere con un’idea di libertà ma anche di charme. Quello di Elena è un mood fuori dal tempo che regala relax nonché sensazioni piacevoli e confortevoli.
Slipper per grandi e piccini: è il mondo avvolgente e raffinato di Adoro Te. La creatrice, Elena Del Carratore, designer e manager, viene da una famiglia di imprenditori che dal 1895 produce calzature di altissima qualità. Elena ha iniziato con una collezione di scarpine da bebè poi sviluppate nella versione adulta, slipper da casa con un appeal molto chic e ispirato alla casa contemporanea, cornice emotiva che sempre più amiamo vivere con un’idea di libertà ma anche di charme. Quello di Elena è un mood fuori dal tempo che regala relax nonché sensazioni piacevoli e confortevoli.
Il modo migliore di chiudere la mia MFW? Andare a vedere il film dedicato a una grande, grandissima icona: <em>Anna Piaggi – Una visionaria nella moda</em> di Alina Marazzi è un omaggio meraviglioso. Grazie Fashion Film Festival Milano: è stata un’enorme emozione, il momento migliore di questa settimana, l’essenza di tutto ciò in cui credo. Al punto che, nei prossimi giorni, arriverà un post interamente dedicato a questo docu-film.
Il modo migliore di chiudere la mia MFW? Andare a vedere il film dedicato a una grande, grandissima icona: Anna Piaggi – Una visionaria nella moda di Alina Marazzi è un omaggio meraviglioso. Grazie Fashion Film Festival Milano: è stata un’enorme emozione, il momento migliore di questa settimana, l’essenza di tutto ciò in cui credo. Al punto che, nei prossimi giorni, arriverà un post interamente dedicato a questo docu-film.

 

 

 

 

 

A glittering woman è anche su Facebook | Twitter | Instagram

 

 

 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Manu

Mi chiamo Emanuela Pirré, Manu per gli amici, e sono nata un tot di anni fa con una malattia: la moda. La moda è come l’aria che respiro: ne ho bisogno perché per me è una forma di cultura, una modalità di espressione e di comunicazione, un linguaggio che amo e rispetto. Il minimalismo non è il mio forte e sono allergica a pregiudizi, convenzioni, conformismo e omologazione. Vivo sospesa tra passione per il vintage e amore per il futuro e sono orgogliosa della mia nutrita collezione di bijou iniziata quando avevo 15 anni: per fortuna Enrico, la mia metà, sopporta con pazienza entrambe, me e la collezione. Sono curiosa di natura perché è la vita stessa a stuzzicarmi: oltre alla moda, amo i viaggi, i libri, l'arte, il cinema, la fotografia, la musica, il nuoto e la buona tavola, possibilmente in compagnia. La positività è la mia filosofia di vita: mi piace costruire, non distruggere. Sono web content editor, insegno Fashion Web Editing in Accademia Del Lusso e porto avanti con entusiasmo questo blog: detesto i limiti, i confini, i preconcetti – soprattutto i miei – e mi piace fare tutto ciò che posso per superarli. Se volete provare a diventare miei amici, potete offrirmi un piatto di tortellini in brodo oppure potete propormi la visione di “Ghost”: inguaribile romantica (e ottimista), riesco ancora a sperare che il finale triste si trasformi in un "happy end".

Glittering comments

florisa
Reply

carissima manu ho letto tutto d’un fiato il tuo strepitoso articolo e mi sono ritrovata con te sul filobus a dover ascoltare le sciocchezze stereotipate dette dalla signora. Sinceramente non ho resistito e nonostante tu mi tenessi per la manica dicendomi in silenzio di non reagire , non ce l’ho fatta più: le sono saltata al collo facendole cadere il gran foulard da divano con cui si abbelliva e rompendole inavvertitamente la collanona di finte perle che svelte svelte finalmente liberate da quel filo odioso che le teneva unite contro la propria volontà ( molte fra loro avevano anche litigato) sono ruzzolate via …fa le gambe degli altri viaggiatori. Si è scatenato un parapiglia e tu sei pure scoppiata a ridere mentre i tuoi piedi si rifiutavano di muoversi nonostante una folla minacciosa incombesse su di noi. Per fortuna siamo riuscite a scendere al volo…nel senso che siamo volate giù dal finestrino e tu mi hai portato ad innamorarmi delle meraviglie e delle novità che riesci sempre a scovare. L’interazione Arte/Moda sempre mi ha interessato ed ciò che tu mi hai fatto “vedere” qui sul tuo blog attraverso il reportage fotografico. E mi consola tanto sapere che c’è chi come me ancora ci crede tanto nonostante tutto. Hai ragione a sottolineare che questo è lavoro …ma forse c’è sempre invidia per chi con i metatarsi doloranti, il cane da portare a passeggio, i figli da accompagnare a scuola, la cena da preparare e il frigo vuoto, i panni da stirare…continua lo stesso ad amare ciò che fa. Non sono molti coloro che possono dichiarare di svolgere il proprio lavoro amandolo. Noi abbiamo questo privilegio….Grandissima manu la tua foto di spalle con le code ben stese è un capolavoro…bacionissimi.
p.s. Il 19 novembre alle 17.00 sarò a Milano con le altre autrici di “Fashion Intelligence” presso la Fondazione Ferré in via Tortona . Siamo state invitate per presentare il nostro saggio. E’ l’occasione per vederci finalmente ? Ripartirò la domenica sera…

Manu
Reply

Oh, Florisa cara,
Ti ho già detto in altre occasioni – vero? – quanto tu sia capace di creare scenari che appaiono così vividi e reali? E io ammiro e amo tutto ciò!
Già, avrei avuto bisogno di te su quel filobus. Anche perché, nonostante fossi livida di rabbia, ho taciuto sebbene le parole fossero lì, sulla punta della lingua, e premessero per uscire.
Ho preferito stare zitta e ora un po’ me ne pento. Professo con convinzione che occorra difendere le proprie idee, sempre, ma in quel caso non l’ho fatto. Credo di aver percepito che non fosse né il momento né il luogo adatto, eppure è stata un’occasione persa e non perché io abbia velleità di indottrinare il mondo, per carità, ma perché offrire un altro punto di vista o uno spunto di riflessione può essere utile.
A ogni modo: asciugate le lacrime (per le risate!) e ringraziandoti con gratitudine per il tuo apprezzamento verso il mio lavoro, prendo nota dell’enorme, fantastica novità.
Vuoi dire che – finalmente! – possiamo avere l’opportunità di conoscerci di persona, tra l’altro in un’occasione meravigliosamente bella? Il mio cuore trabocca di felicità!
Guarda che l’ho già messo in agenda, dunque aggiorniamoci e accordiamoci.
Ti abbraccio forte,
Manu

Annalaura gaudino
Reply

Emanuela cara, posso solo dire che i superficiali sono loro e non certo noi e che hai ragione infinitamente quando dici che i sogni non sono mai gratis!!
Ma noi non molliamo, mai, e sicuramente non lo faremo per questi due motivi!
lov u
Al

Manu
Reply

Cara Annalaura,
Per prima cosa lasciami dire che è un gran piacere poterti accogliere qui, nel mio piccolo spazio web 🙂
E poi ti dico che hai proprio ragione: noi non molliamo.
Anzi, più sento pronunciare luoghi comuni e maggiormente mi incaponisco: smontare i cliché è diventato uno dei miei… sport preferiti, ormai 😉
Ti abbraccio e ti ringrazio infinitamente,
Manu

Lascia un commento

Nome*

email* (not published)

website

error: Sii glittering, non copiare :-)