Compleanno, stavolta non ti temo perché penso al kintsugi

Questo è il terzo compleanno che festeggio qui sul blog.
Festeggio si fa per dire: in realtà, in occasione del mio compleanno, avete sempre letto riflessioni un po’ malinconiche.
Quest’anno, però, si cambia regime: desidero tornare a festeggiare davvero il mio compleanno e non perché la mia vita sia diventata perfetta tutto d’un tratto.

Ho iniziato a pensarci una sera, seguendo un dibattito in televisione: una giovane donna affermava che se c’è una cosa che non ha mai aiutato nessuno a ottenere qualcosa è il fatto di piangersi addosso.
Non importa di cosa si dibattesse nello specifico e non importa nemmeno che, a parte questa (inconfutabile) affermazione, la giovane non avesse in verità particolarmente ragione e che fosse anche un po’ supponente e antipatica: importa che quelle parole mi hanno colpita con forza, come se fossero rivolte proprio a me.
Non sono abituata a piangermi addosso, questo no, ma mi capita di sfogarmi su Facebook e in alcuni post qui sul blog, come quelli del compleanno, appunto.
Ecco, ascoltando quelle parole, ho ammesso che in effetti lamentarmi non mi aveva aiutata e non mi aiuta né a ottenere ciò che voglio né a rendermi più simpatica sebbene vi prego di credermi, non è la simpatia ciò che volevo ottenere: non ho mai pensato che piagnucolare sia un modo per ottenere pacche sulle spalle tanto quanto non serve a cambiare le cose.

Ho poi riflettuto anche su altre questioni.
Il 2015 è stato un anno durissimo per tutti quanti e mi riferisco ai fatti che stanno insanguinando il mondo, non ultimi quelli di Parigi.
Non solo, la morte mi è passata accanto colpendomi molto da vicino e portandosi via Emanuele, una persona (giovanissima) alla quale ero affezionata e che desidero ricordare nuovamente proprio oggi, nel giorno del mio compleanno.

L’essere umano, purtroppo, impara grazie ai suoi errori e spesso di questi errori si vergogna: non faccio eccezione, sono anch’io così.
E oggi, quindi, mi vergogno un po’ e, anziché lamentarmi, mi sento una sopravvissuta, ma sopravvissuta nel senso migliore del termine, senza vittimismo né pietismo: mi sento come un vaso che sia stato riparato con la tecnica kintsugi.

Ne avete mai sentito parlare? Il kintsugi o kintsukuroi significa letteralmente “riparare con l’oro”: è una pratica giapponese e consiste nel sistemare oggetti rotti attraverso l’uso di materiali preziosi.
Prendiamo, per esempio, un vaso andato in frantumi: i frammenti vengono ricongiunti con un liquido o una lacca contenenti oro e così il vaso ritorna alle fattezze originali, ma con una differenza importante. La ferita è lì, visibilissima, in primissimo piano, dorata e impattante. Sottolineata, ad arte.
In Occidente, distinguiamo tra cose intatte e cose rotte. E se una cosa è rotta, vogliamo ripararla come se non fosse mai successo nulla: se ciò non è possibile, per noi non vale la pena tenerla, meglio gettarla e acquistarne una nuova.
Nella cultura orientale, invece, le cicatrici aumentano il valore dell’oggetto e, tra integrità e rottura, viene contemplata la possibilità dell’imperfezione.
Non solo, la casualità originata dalla rottura rende gli oggetti unici e irripetibili: grazie al kintsugi, gli oggetti riparati sono tutti differenti fra loro.

Naturalmente, il kintsugi non è che la forma pratica di una filosofia di pensiero: il messaggio intrinseco è che la vita consta non soltanto d’integrità, ma anche di rottura. E la rottura va accolta.
Il dolore non è un sentimento vergognoso, da estirpare o da occultare, così come l’imperfezione estetica non rappresenta un elemento capace di rovinare l’armonia complessiva di una persona o di un oggetto; le crepe dell’oggetto rotto e riparato non vanno nascoste né mimetizzate ma valorizzate, esattamente come le cicatrici intese sia come difetti fisici sia come ferite dell’anima.
In definitiva, il kintsugi dimostra che da una ferita risanata può rinascere una nuova forma di bellezza, esteriore e interiore; lascia intendere che i segni impressi dalla vita sulla nostra pelle e nella nostra mente hanno un valore e un significato; insegna che da essi – e soprattutto dalla loro accettazione – prendono il via i processi di rigenerazione e di rinascita.

Che splendido insegnamento…

Ecco, io oggi sono così: ammaccata e riparata eppure pronta a guardare avanti.
Mi sembra di essere un vaso kintsugi, mi sento (finalmente) in grado di affrontare le cicatrici, mostrarle, accettarle. E non mi sento affatto peggiore per il fatto di essere stata ferita o di aver sofferto.

Stavolta, le foto che riassumono gli ultimi 365 giorni servono più che mai a questo, a ricordarmi quante cose buone ci siano nella mia vita, quante cose belle io abbia l’opportunità di vivere ben oltre dolori e cicatrici.
Sì, forse la mia vita non è perfetta – più che altro sul lavoro dove c’è sempre da sputare sangue – ma sono qui.

E se c’è qualcosa che non mi piace… posso sempre avere ancora più coraggio, alzare le chiappe e cercare di cambiare quel qualcosa.

Scusate ma, dopo la meravigliosa e delicata filosofia giapponese, ci voleva la sferzata finale a modo mio.
In fondo, sono un vaso riparato e non certo un vaso di fine porcellana.

Tanti auguri a me e grazie – come sempre – a tutti coloro che ci sono.

Manu

 

Osserva un bambino che raccoglie conchiglie sulla spiaggia: è più felice dell’uomo più ricco del mondo. Qual è il suo segreto? Quel segreto è anche il mio. Il bambino vive nel momento presente, si gode il sole, l’aria salmastra della spiaggia, la meravigliosa distesa di sabbia. È qui e ora. Non pensa al passato, non pensa al futuro. E qualsiasi cosa fa, la fa con totalità, intensamente; ne è così assorbito da scordare ogni altra cosa. Il segreto della felicità è tutto qui: qualsiasi cosa fai non permettere al passato di distrarre la mente e non permettere al futuro di disturbarti.

Osho Rajneesh (Rajneesh Chandra Mohan Jain, 1931 – 1990, mistico e maestro spirituale indiano in un’intervista rilasciata a Enzo Biagi nel 1986)

 

Nei panni di Medora da <em>Il Corsaro</em> di Giuseppe Verdi per la festa in costume della Contessa Pinina Garavaglia, foto Silvia Cattaneo, 28-11-2014
Nei panni di Medora da Il Corsaro di Giuseppe Verdi per la festa in costume della Contessa Pinina Garavaglia, foto Silvia Cattaneo, 28-11-2014
Con Natalie Franz, fondatrice di Magicstripes, 18-12-2014
Con Natalie Franz, fondatrice di Magicstripes, 18-12-2014
Con la mia amica Valentina Fazio alla presentazione Alessandro Dell’Acqua, 19-01-2015. <strong>La foto è stata scattata da Emanuele…</strong>
Con la mia amica Valentina Fazio alla presentazione Alessandro Dell’Acqua, 19-01-2015. La foto è stata scattata da Emanuele…
Press day IOMA Paris, 29-01-2015 (cappello Capplé e collana LEEK Handmade Jewellery)
Press day IOMA Paris, 29-01-2015 (cappello Capplé e collana LEEK Handmade Jewellery)
Evento BreakUpandMove con la mia collega Nunzia Cillo, 14-02-2015
Evento BreakUpandMove con la mia collega Nunzia Cillo, 14-02-2015
Con la mia amica Eleonora Lanzetti alla presentazione Vladimiro Gioia, 25-02-2015 (cappello Capplé)
Con la mia amica Eleonora Lanzetti alla presentazione Vladimiro Gioia, 25-02-2015 (cappello Capplé)
Con la meravigliosa Maria Vittoria Albani, anima di Ornella Bijoux, all’inaugurazione della mostra a lei dedicata al Museo del Bijou di Casalmaggiore, 21-03-2015
Con la meravigliosa Maria Vittoria Albani, anima di Ornella Bijoux, all’inaugurazione della mostra a lei dedicata al Museo del Bijou di Casalmaggiore, 21-03-2015
All’inaugurazione della mostra dedicata a Ornella Bijoux a Casalmaggiore, 21-03-2015
All’inaugurazione della mostra dedicata a Ornella Bijoux a Casalmaggiore, 21-03-2015
All’inaugurazione della mostra dedicata a Ornella Bijoux a Casalmaggiore, 21-03-2015
All’inaugurazione della mostra dedicata a Ornella Bijoux a Casalmaggiore, 21-03-2015
All’inaugurazione della mostra dedicata a Ornella Bijoux a Casalmaggiore, 21-03-2015
All’inaugurazione della mostra dedicata a Ornella Bijoux a Casalmaggiore, 21-03-2015
Con la mia amica Valentina Fazio all’inaugurazione della mostra sugli Avengers al WOW Spazio Fumetto, 28-03-2015
Con la mia amica Valentina Fazio all’inaugurazione della mostra sugli Avengers al WOW Spazio Fumetto, 28-03-2015
Allo <em>Spring Fantasy Party</em> della Contessa Pinina Garavaglia, foto Silvia Cattaneo, 28-03-2015
Allo Spring Fantasy Party della Contessa Pinina Garavaglia, foto Silvia Cattaneo, 28-03-2015
Con Stefano Bressani e le sue meravigliose Skultoshoes, 03-04-2015
Con Stefano Bressani e le sue meravigliose Skultoshoes, 03-04-2015
Con la bravissima Giulia Rositani, 09-04-2015 (turbante Sine Modus)
Con la bravissima Giulia Rositani, 09-04-2015 (turbante Sine Modus)
Con la bravissima Giulia Rositani, 09-04-2015 (turbante Sine Modus)
Con la bravissima Giulia Rositani, 09-04-2015 (turbante Sine Modus)
Con la poliedrica stilista Agatha Ruiz de la Prada in Accademia Del Lusso, 14-04-2015
Con la poliedrica stilista Agatha Ruiz de la Prada in Accademia Del Lusso, 14-04-2015
A provare il trattamento sopracciglia di Plumes, 15-04-2015
A provare il trattamento sopracciglia di Plumes, 15-04-2015
Che onore essere tra i relatori del seminario <em>La bellezza dell’essere</em> in Accademia Del Lusso con la giornalista Mariella Cortes, la stilista Giulia Marani e il collega Andrea Tisci, 17-04-2015 (turbante Sine Modus, collana con ditali Sayang Ku)
Che onore essere tra i relatori del seminario La bellezza dell’essere in Accademia Del Lusso con la giornalista Mariella Cortes, la stilista Giulia Marani e il collega Andrea Tisci, 17-04-2015 (turbante Sine Modus, collana con ditali Sayang Ku)
Modella per un giorno con Elizabeth Arden alla <em>Milano Vintage Week,</em> foto Valerio Giannetti, 18-04-2015 (turbante Sine Modus)
Modella per un giorno con Elizabeth Arden alla Milano Vintage Week, foto Valerio Giannetti, 18-04-2015 (turbante Sine Modus)
Modella per un giorno con Elizabeth Arden alla <em>Milano Vintage Week,</em> foto Valerio Giannetti, 18-04-2015 (turbante Sine Modus)
Modella per un giorno con Elizabeth Arden alla Milano Vintage Week, foto Valerio Giannetti, 18-04-2015 (turbante Sine Modus)
Modella per un giorno con Elizabeth Arden alla <em>Milano Vintage Week,</em> foto Valerio Giannetti, 18-04-2015 (turbante Sine Modus, collana Tout Court Moi)
Modella per un giorno con Elizabeth Arden alla Milano Vintage Week, foto Valerio Giannetti, 18-04-2015 (turbante Sine Modus, collana Tout Court Moi)
In autogrill direzione Siena, 22-05-2015
In autogrill direzione Siena, 22-05-2015
A provare incredibili cappellini da Aloe&Wolf a Siena, 22-05-2015
A provare incredibili cappellini da Aloe&Wolf a Siena, 22-05-2015
A Biot in Costa Azzurra, foto Federica Micoli, 11-06-2015
A Biot in Costa Azzurra, foto Federica Micoli, 11-06-2015
Mi sono cimentata nella lavorazione del vetro a Biot, in Costa Azzurra, foto Claudia Sugliano, 12-06-2015
Mi sono cimentata nella lavorazione del vetro a Biot, in Costa Azzurra, foto Claudia Sugliano, 12-06-2015
Mi sono cimentata nella lavorazione del vetro a Biot, in Costa Azzurra, foto Iaphet Elli, 12-06-2015
Mi sono cimentata nella lavorazione del vetro a Biot, in Costa Azzurra, foto Iaphet Elli, 12-06-2015
Io, Betta Ciranni e Valentina Fazio a Sassuolo presso Bottega Yooop, il (bellissimo) progetto di Betta, 17-06-2015
Io, Betta Ciranni e Valentina Fazio a Sassuolo presso Bottega Yooop, il (bellissimo) progetto di Betta, 17-06-2015
In Valeorchid collection, la collezione della mia amica Valentina Fazio autrice anche dello scatto, 22-06-2015
In Valeorchid collection, la collezione della mia amica Valentina Fazio autrice anche dello scatto, 22-06-2015
Press day Doria 1905, 14-07-2015 (cappello Doria 1905… <em>of course!)</em>
Press day Doria 1905, 14-07-2015 (cappello Doria 1905… of course!)
Artigiana per un giorno grazie alla Fausto Colato <em>experience,</em> 15-07-2015
Artigiana per un giorno grazie alla Fausto Colato experience, 15-07-2015
Artigiana per un giorno grazie alla Fausto Colato <em>experience,</em> 15-07-2015
Artigiana per un giorno grazie alla Fausto Colato experience, 15-07-2015
Artigiana per un giorno grazie alla Fausto Colato <em>experience,</em> 15-07-2015
Artigiana per un giorno grazie alla Fausto Colato experience, 15-07-2015
Artigiana per un giorno grazie alla Fausto Colato <em>experience</em> col mio amico e collega Andrea Tisci, 15-07-2015
Artigiana per un giorno grazie alla Fausto Colato experience col mio amico e collega Andrea Tisci, 15-07-2015
Un giorno dell’estate 2015…
Un giorno dell’estate 2015…
A Carona, al Rifugio Terre Rosse, con un sacco della spazzatura a mo’ di impermeabile d’emergenza (perché l’autoironia è tutto!), 14-08-2015
A Carona, al Rifugio Terre Rosse, con un sacco della spazzatura a mo’ di impermeabile d’emergenza (perché l’autoironia è tutto!), 14-08-2015
Con una creazione di Sophie Cochevelou, agosto 2015
Con una creazione di Sophie Cochevelou, agosto 2015
Con una creazione di Sophie Cochevelou, 26-08-2015
Con una creazione di Sophie Cochevelou, 26-08-2015
In giro per uffici stampa col mio adorato Stefano Guerrini, amico, maestro e modello sia come persona sia come professionista, 26-08-2015
In giro per uffici stampa col mio adorato Stefano Guerrini, amico, maestro e modello sia come persona sia come professionista, 26-08-2015
Con un’opera dell’artista Mariano Franzetti, 03-09-2015, foto Valentina Fazio
Con un’opera dell’artista Mariano Franzetti, 03-09-2015, foto Valentina Fazio
Con Federico Sodini, proprietario dell’omonimo brand di bijou e di <em>SoMagazine</em> (per il quale scrivo), e Marco Ontano, direttore artistico, 14-09-2015
Con Federico Sodini, proprietario dell’omonimo brand di bijou e di SoMagazine (per il quale scrivo), e Marco Ontano, direttore artistico, 14-09-2015
Con la meravigliosa Giulia Marani alla presentazione della sua collezione SS 2016, foto Valentina Fazio, 24-09-2015
Con la meravigliosa Giulia Marani alla presentazione della sua collezione SS 2016, foto Valentina Fazio, 24-09-2015
In Valeorchid collection, la collezione della mia amica Valentina Fazio autrice anche dello scatto, 27-09-2015
In Valeorchid collection, la collezione della mia amica Valentina Fazio autrice anche dello scatto, 27-09-2015
In Valeorchid collection, la collezione della mia amica Valentina Fazio autrice anche dello scatto, 28-09-2015
In Valeorchid collection, la collezione della mia amica Valentina Fazio autrice anche dello scatto, 28-09-2015
In Valeorchid collection, la collezione della mia amica Valentina Fazio, e cappello Doria 1905, foto Valentina Fazio, 28-09-2015
In Valeorchid collection, la collezione della mia amica Valentina Fazio, e cappello Doria 1905, foto Valentina Fazio, 28-09-2015
Con la colleghe Anita Pezzotta e Clara Nanut e la stilista Natasha Calandrino Van Kleef coi capi Nvk Design creati da Natasha, 03-10-2015
Con la colleghe Anita Pezzotta e Clara Nanut e la stilista Natasha Calandrino Van Kleef coi capi Nvk Design creati da Natasha, 03-10-2015
Al Keep Out Day a Casale Monferrato, 10-10-2015
Al Keep Out Day a Casale Monferrato, 10-10-2015
Sorridere e giocare al press day Domingo, 28-10-2015… La vita è proprio strana. A volte ti fa arrabbiare, tanto. A volte ti dà e a volte, invece, ti deruba. Ti regala gioie immense e poi ti sfianca con dolori che non sei certo di poter sopportare. Ti fa ridere, ti fa piangere. Ti manda alle stelle, ti getta in un abisso. Ti nausea, ti affascina facendo sì che tu possa restarle attaccato. E soprattutto ti sorprende. Sempre. Mercoledì 28 ottobre sono tornata in un posto nel quale avevo timore di tornare. Quel giorno ho sorriso e l’ho fatto in un posto nel quale – lo giuro – pensavo non sarei mai più stata in grado di farlo. Nonostante il dolore, nonostante la tristezza che per un attimo ha rischiato di avere la meglio, nonostante i ricordi pungenti. La vita va avanti: per sua stessa essenza non può fermarsi, ma questo non vuol affatto dire dimenticare, anzi. Sei dentro di me e lì resterai per sempre, finché questo mio cuore batterà e mi terrà qui. Ti voglio bene, come sempre, come quel giorno maledetto in cui sei andato via e il sorriso di queste foto non è irrispettoso, anzi, è tutto per te. Perché il tuo sorriso era pieno di calore come un giorno d’estate. E perché so che, vedendomi intenta a giocare o vedendo queste foto, avresti a tua volta sorriso. <strong>A te, Emanuele.</strong>
Sorridere e giocare al press day Domingo, 28-10-2015… La vita è proprio strana. A volte ti fa arrabbiare, tanto. A volte ti dà e a volte, invece, ti deruba. Ti regala gioie immense e poi ti sfianca con dolori che non sei certo di poter sopportare. Ti fa ridere, ti fa piangere. Ti manda alle stelle, ti getta in un abisso. Ti nausea, ti affascina facendo sì che tu possa restarle attaccato. E soprattutto ti sorprende. Sempre. Mercoledì 28 ottobre sono tornata in un posto nel quale avevo timore di tornare. Quel giorno ho sorriso e l’ho fatto in un posto nel quale – lo giuro – pensavo non sarei mai più stata in grado di farlo. Nonostante il dolore, nonostante la tristezza che per un attimo ha rischiato di avere la meglio, nonostante i ricordi pungenti. La vita va avanti: per sua stessa essenza non può fermarsi, ma questo non vuol affatto dire dimenticare, anzi. Sei dentro di me e lì resterai per sempre, finché questo mio cuore batterà e mi terrà qui. Ti voglio bene, come sempre, come quel giorno maledetto in cui sei andato via e il sorriso di queste foto non è irrispettoso, anzi, è tutto per te. Perché il tuo sorriso era pieno di calore come un giorno d’estate. E perché so che, vedendomi intenta a giocare o vedendo queste foto, avresti a tua volta sorriso. A te, Emanuele.
Sorridere e giocare al press day Domingo, 28-10-2015…
Sorridere e giocare al press day Domingo, 28-10-2015…
Sorridere e giocare al press day Domingo, 28-10-2015…
Sorridere e giocare al press day Domingo, 28-10-2015…
All’inaugurazione di <em>Ridefinire il Gioiello,</em> concorso del quale sono partner, 29-10-2015
All’inaugurazione di Ridefinire il Gioiello, concorso del quale sono partner, 29-10-2015
All’inaugurazione di <em>Ridefinire il Gioiello,</em> concorso del quale sono partner con Sonia Catena, ideatrice e curatrice, 29-10-2015
All’inaugurazione di Ridefinire il Gioiello, concorso del quale sono partner con Sonia Catena, ideatrice e curatrice, 29-10-2015
Selfie, 04-11-2015 (orecchini Anna e Alex)
Selfie, 04-11-2015 (orecchini Anna e Alex)
Col poliedrico Marco Loriga, 04-11-2015
Col poliedrico Marco Loriga, 04-11-2015
Con Viola Baragiola di Ultràchic in occasione di una mia intervista per <em>SoMagazine,</em> foto ThinkVisual, 05-11-2015
Con Viola Baragiola di Ultràchic in occasione di una mia intervista per SoMagazine, foto ThinkVisual, 05-11-2015
Con Viola Baragiola di Ultràchic in occasione di una mia intervista per <em>SoMagazine,</em> foto ThinkVisual, 05-11-2015
Con Viola Baragiola di Ultràchic in occasione di una mia intervista per SoMagazine, foto ThinkVisual, 05-11-2015
A Monte San Savino, 07-11-2015 (collana Giulia Boccafogli)
A Monte San Savino, 07-11-2015 (collana Giulia Boccafogli)
Al Museo Unoaerre ad Arezzo con le mie amiche Grazia e Agnese, 07-11-2015
Al Museo Unoaerre ad Arezzo con le mie amiche Grazia e Agnese, 07-11-2015
Con la bravissima stylist Evelina La Maida, uno dei miei miti in ambito professionale, 11-11-2015
Con la bravissima stylist Evelina La Maida, uno dei miei miti in ambito professionale, 11-11-2015
Con Maria Rosaria Savona e Stefano Guerrini in Triennale per l’inaugurazione della mostra <em>Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana</em> (presto un post qui sul blog!), 23-11-2015
Con Maria Rosaria Savona e Stefano Guerrini in Triennale per l’inaugurazione della mostra Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana (presto un post qui sul blog!), 23-11-2015

 

 

 

 

 

Per i cappelli Capplé di Elisa Savi ed Elena Masut: qui

Per i bijou LEEK Handmade Jewellery: qui

Per i turbanti Sine Modus: qui

Per le creazioni Sayang Ku di Serena Ciliberti: qui

Per i bijou Tout Court Moi: qui

Per i cappelli Doria 1905: qui

Per i bijou di Sophie Cochevelou: qui

Per i capi Nvk Design: qui

Per i bijou Anna e Alex: qui

Per i bijou di Giulia Boccafogli: qui e qui il mio articolo per White Magazine

 

 

 

 

 

Parlando di anni che passano…

Il mio compleanno 2013

Il mio compleanno 2014

 

 

 

 

 

Se vi va, potete seguire A glittering woman su Facebook | Twitter | Instagram

 

 

 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Manu

Mi chiamo Emanuela Pirré, Manu per gli amici di vita quotidiana e di web, e sono nata un tot di anni fa con una malattia: la moda. La moda è come l’aria che respiro: ne ho bisogno perché per me è una forma di cultura, una modalità di espressione e di comunicazione, un linguaggio che amo e rispetto. Il minimalismo non è il mio forte e sono allergica a pregiudizi, cliché, convenzioni, conformismo e omologazione. Vivo sospesa tra passione per il vintage e amore per il futuro e sono orgogliosa della mia nutrita collezione di bijou iniziata quando avevo 15 anni: per fortuna Enrico, la mia metà, sopporta (e supporta) con pazienza entrambe, me e la collezione. Sono curiosa di natura perché è la vita stessa a stuzzicarmi: oltre alla moda, amo i viaggi, i libri, l'arte, il cinema, la fotografia, la musica, il nuoto e la buona tavola, possibilmente in compagnia. La positività è la mia filosofia di vita: mi piace costruire, non distruggere. Sono web content editor, insegno Fashion Web Editing in Accademia Del Lusso, mi occupo di consulenze sempre in ambito moda e/o comunicazione e infine porto avanti con entusiasmo questo blog. Detesto i limiti, i confini, i preconcetti – soprattutto i miei – e mi piace fare tutto ciò che posso per superarli. Se volete provare a diventare miei amici, potete offrirmi un piatto di tortellini in brodo - uno dei miei comfort food - oppure potete propormi la visione del film “Ghost”: da sognatrice, inguaribile romantica e ottimista quale sono, riesco ancora a sperare che la scena finale triste si trasformi miracolosamente in un lieto fine.

Glittering comments

angela
Reply

Ti manca una foto con me! sai che ci tengo eh!
magari il prossimo anno ce la metti chissà!
Io odio i compleanni in generale. Tempo fa scrissi un post sull’argomento. non mi piace scandire gli anni, gli eventi. io mi considero un Highlander e quando mi chiedono gli anni rispondo che ho quelli che mi permettono di fare quello che voglio. Perdere una persona cara ci vuota di una presenza ma ci ricolma di ricordi e insegnamenti e le lacrime che spesso vengono fuori (ho perso mia suocera due mesi fa che per me era una mama) mi aiutano a sfogarmi…
Conosco il kintsugi. ho un immagine come profilo di un vaso rotto ricostruito. è bellissima…dai giapponesi dovermmo imparare molto di più che il sushi… un bacione e buon compleanno a te…. (per il blog ti confido che anche io sono quasi al terzo anno di residenza on line)

Angela

angela
Reply

errata corrige
mamma non mama

Manu
Reply

… Sei una forza, cara Angela, errata corrige inclusa!
Hai ragione, manca e mi manca una foto con te: visto che ci tengo anch’io, non ci resta che organizzarci per l’anno a venire 🙂
Non posso nascondere che i compleanni non stanno particolarmente simpatici nemmeno a me o meglio, mi correggo: non ho nulla contro quello degli altri, detesto solo il mio.
Eppure, quest’anno è successo qualcosa: invece di farmi chiudere in me stessa, pensieri, riflessioni e dolori mi hanno fatto superare il blocco – chiamiamolo così – che avevo verso il mio compleanno.
Pensa un po’ che si è verificato un piccolo fatto davvero straordinario: dopo molti anni, talmente tanti da non poterli quantificare, ieri mi è venuta voglia di spegnere una candelina. Così è stato, ho avuto la mia candelina.
E oggi, il giorno dopo, sono felice di aver fatto pace, finalmente, dopo tanto tempo, col mio compleanno: mi sento più leggera. Incasinata, come sempre (passami il termine), eppure più leggera.
Mi piace la tua visione, sai, mi piace che tu ti veda come un Highlander e mi piace la tua risposta a proposito degli anni.
Mi dispiace, invece, apprendere di tua suocera: ti prego di credermi se dico che sono sinceramente addolorata.
Grazie per gli auguri e per le risate (“dai giapponesi dovremmo imparare molto di più che il sushi”… lo ripeto, sei una forza): il tuo commento è stato un bellissimo regalo.
Ricambio il bacione,
Manu

Lascia un commento

Nome*

email* (not published)

website

error: Sii glittering, non copiare :-)